Il retroscena di mercato: Boly e il mancato arrivo alla Fiorentina. La trattativa, l’offerta viola e tutti i particolari

Willy Boly, professione centrale difensivo, età 25 anni. Quanto avrebbe fatto comodo avere uno come lui nella Fiorentina attuale? Tanto, davvero tanto. E c’è stato un momento della sua carriera in cui il francese è stato davvero vicinissimo a vestire la maglia viola. Nell’estate 2012, Corvino, allora diesse gigliato, aveva presentato un’offerta all’Auxerre da cinque milioni di euro. Un’offerta che era stata accettata in un primo momento dal club transalpino che tra l’altro versava anche in cattive acque finanziarie. Ma all’ultimo istante il proprietario dell’Auxerre chiese tre milioni di euro in più. Una richiesta davvero esagerata per un giocatore che all’epoca aveva solamente 21 anni e aveva molto da dimostrare. Ora Boly è uno dei centrali considerato tra i migliori dell’Europa League, competizione che si trova a giocare con lo Sporting Braga (è andato in Portogallo nel 2014).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Come vedete non è Prade che non è capace anzi sono tre anni che il trio Ddv Cognigni Ramadani gli permettono solo di metterci la faccia al posto loro nei momenti brutti,tutti felici de ritorno di Corvino dimenticando i buchi clamorosi dell’uomo di Vernole,i milioni spesi per il settore giovanile che in 10 anni ha sfornato quasi nulla se non Berna che non portato lui,ricordate i Mazuch gli Hable i Da Costa ecc ecc ecc Jovetic e Lijaic con gli assegni in bocca li prendevo anche io

  2. Nn tralascerei l’aspetto tecnico che salta subito agli occhi di questo giocatore: oh che orecchi c’ha quest’omo ? Alla prima ventata, telo trovi spiccicato sul vetro della curva, come un moscerino sul parabrezza

  3. M*****a nello Sporting Braga, loro si che tirano fuori il lesso quando c’è da catturare un fenomeno. Capita quando si è considerati ricchi scemi, 5 milioni per noi non bastavano, dite che il Braga gliene ha dati di più?

  4. E’ già è cosi bravo che gioca oggi nello Sporting Braga , ma fatemi il piacere suvvia.

  5. onora il padre

    A pensarci bene e’ davvero strano. I ns. Dirigenti di solito non si fanno sfuggire la minima possibilita’. Soprattutto quello con gli occhi di tigre. Come si chiama…..ah si’, Prade’!

  6. Michele da Milano

    Meglio che non sia arrivato perché avrebbe giocato bene e l’avrebbero rivenduto appena 23enne

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*