Il ritorno del Principino?

image

Potrebbe essere la volta buona per rivedere anche Alberto Aquilani contro il Verona, lunedì sera. Sarà una gara delicata, precedente pochi giorni il ritorno dei quarti di Europa League con la Dinamo Kiev, primo di tre appuntamenti consecutivi al “Franchi”, dove la Fiorentina fa un po’ fatica a vincere. L’impegno importantissimo di giovedì prossimo potrebbe indurre Montella a risparmiare qualcuno ed al momento Aquilani non rappresenta una prima scelta nell’organico viola. Le sue caratteristiche sono però tutt’altro che quelle di una riserva ed ecco che contro i gialloblu la Fiorentina potrebbe ritrovare un nuovo protagonista, tendinite permettendo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Alberto Aquilani è un gran bel giocatore, chi dice il contrario capisce poco di calcio.

    Il suo problema è fisico, non tecnico, quando è in condizione non ho remore a metterlo tra i primi cinque centrocampisti italiani.

    Per coloro che ancora non lo hanno capito il suo problema sono i tendini, fragili per costituzione fisica…(non è un calciatore costruito in laboratorio, come altri).

    Meriterebbe più rispetto da parte di una piazza che si crede intenditrice di calcio.

  2. Errata COrrige: scambio di posizione:Da leggersi “…del turista appagato”SFV

  3. Roberto, hai dimenticato il grande Valero,quello che gioca sulle nuvole(da non confondersi con colui che giocava gauardando le stelle…) e si inchina,evitando il contrasto,all’avversario facendolo andare e far goal!E poi si dice che è un fuoriclasse:si del appagato turista felice anche in campo!Campa cavallo!!!SFV

  4. Ma per favore: come si fa ad auspicare il ritorno di Aquilani contro il Verona! Mi auguro che Montella non ripeta lo stesso errore fatto con la Juve, in Coppa Italia, altrimenti si corre il serio rischio di perdere anche il treno per il quarto posto.

  5. vogliamo proprio farci del male, basta con aquilani, ilicic, gomez e vargas, mandiamoli a giocare con il Pogiponsi (sempre che non abbia problemi si classifica).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*