Il Rossi spinoso e quel ruolo che proprio non vorrebbe accettare

Giuseppe Rossi Allenamento

Resta un problema sullo sfondo di questo ritiro di Moena 2016, un problema per il momento di non eccessiva entità ma che potrebbe ingrandirsi senza le giuste precauzioni. Sembra paradossale parlare in questi termini di Giuseppe Rossi, un ragazzo d’oro ed un calciatore magnifico che però la sfortuna ha penalizzato oltre misura, specialmente nella sua avventura a Firenze. La Gazzetta dello Sport sottolinea come Pepito sia però una sorta di spina in questo momento per Sousa e per la Fiorentina, con il suo silenzio, nel corso della presentazione in piazza a Moena, che ha fatto piuttosto rumore a dir la verità. Il timore dell’attaccante del New Jersey, scrive la rosea, è quello di ritrovarsi ad interpretare il ruolo di riserva di lusso dopo che Kalinic sarà tornato al suo posto: una posizione che difficilmente potrebbe andargli a genio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. ma via , polemizzate pure Voi sui soliti “titoloni” che devono fare i giornali. Per essere letti devono creare “una diatriba” e far discutere i lettori. Rossi farà quel che gli chiede l’allenatore ; così come sono stati utilizzzati marginalmente gente come Zaza , Martens, Dzeko, Liajc; o quasi nulla come Gabbiadini

  2. A me Rossi inizia veramente a stare sul xxxxx, ti abbiamo aspettato, ci sei costato, hai sempre preso il tuo grandissimo stipendio, non volevi stare qui e sei statoandato al levante, adesso che xxxxx vuoi. Io se insisti ti lascerei un anno intero in tribuna. C’hai già riempito le balle! Vedi di abbassare la cresta e di rompere poco. Sei fortunato che la Fiorentina è gestita da una famiglia di buffoni sempre assenti! Non è un ragazzo d’oro, ma un egoista che pensa solo a se stesso. Ok il 4-2 alla Juve, ma adesso basta. Un po’ di rispetto verso noi tifosi che ti abbiamo fatto sempre sentire il nostro amore e la nostra solidarietà mi sembrerebbe il minimo. E’ chiedere troppo?

  3. Chiaro che Rossi debba accettare anche la panchina ,ma non credo sia veramente questo il suo problema. Penso invece che sia Sousa che abbia un limite tecnico inaccettabile e cioe’ quello di conoscere un solo tipo di gioco e di sacrificare a questo le attitudini dei giocatori . Quindi è una questione di ruoli in campo che non riguarda solo Rossi ma anche altri giocatori che non sono piu’ ” ne’
    carne ne’ pesce”come ha gia detto qualcuno ben piu’ autorevole di me

  4. Allora partiamo prima di tutto dal fatto che i giornali stanno ampliando la situazione
    Vivono scrivendo quindi…..
    X me lo sbagio grosso l ha fatto la società perché tu hai un allenatore che fa un determinato gioco e gli servono determinati giocatori quindi se tu (società ) non vuoi spendere x accontentare l allenatore allora mandi via sousa e prendi un allenatore che sia adeguato x la rosa che hai a disposizione perché avere un gomez , rossi babacar ilicic zarate kalinic é un lusso x molte squadre però serve un allenatore che abbia un determinato gioco x valorizzarli

  5. Una cosa è sicura, Rossi no è stato mai una prima punta, per cui non dovrebbe temere Kalinic, ma sia la società che soprattutto l’allenatore dovrebbero trasmettergli fiducia ed ho paura che è la cosa che manca

  6. Il sig Rossi deve smetterla di fare il prezioso e accetti, come fanno tutti gli altri, di giocare dove e quando lo decide l’ allenatore. Per me Kalinic, con il suo gioco per la squadra, è fondamentale e deve giocare sempre. Rossi può giocare benissimo come seconda punta al posto di Ilicic, di Borja o di Zarate.

  7. Rossi non può essere un sostituto di Kalinic, altrimenti gli faranno fare la stessa fine di Babacar; Rossi non è una punta centrale e quindi dovrebbe trovare spazi dietro Kalinic, quindi di supporto alla punta centrale, oppure Sousa può farlo spaziare sulla parte centrale con Kalinic che si muove sulla sua parte destra o sinistra

  8. Dicano francamente che puntano su Rossi è tutto ritornerà chiaro come il sole. Pepito non vuole andare via ma ha bisogno di sentire intorno a se la fiducia dell’allenatore e della società e ciò a dimostrazione che il ragazzo è ritornato padrone dei suoi immensi mezzi.

  9. Non prendiamoci per il c.. se uno come Rossi inizia una preparazione dall’inizio a posto fisicamente non ha certo paura di dimostrare che ancora Tello e Kalinic gli stanno dietro… se parte inc, e silenzioso e’ perche ‘ ha gia’ visto ch el’al’enatore non se lo gaga neanche di striscio,,E INVECE UN ALLENATORE CHE HA NEI SUOI RANGHI un giocatore come lui dovrebbe fare carte false per motivarlo, infondergli fiducia perche’ potrebbe essere la sua fortuna.. Quind ritengo che Sousa mi incomincia a strare sul c,, alla grande a partire dal fatto che e’ rimasto con noi ma ha dato ad intendere che non ne e’ entusiasta cosa che e’ alla base di colui che guida un gruppo e deve infondergli delle certezze e delle motivazioni

  10. Mi sono già espresso in un altro articolo su Rossi, e non voglio ripetermi. Aggiungo soltanto che no so se Giuseppe Rossi sia o meno un ragazzo d’oro come viene citato nell’articolo di Claudio Masini. Se fosse così come viene definito, dovrebbe accettare anche il ruolo di stare qualche volta in panchina. Lui si sente un grande calciatore, ed è vero, ma deve anche riflettere che dopo i numerosi infortuni deve dimostrare di essere ritornato tale. Abbiamo fatto a meno di lui per tanto tempo, pertanto se quello che Sousa gli prospetta non gli va bene, faccia le valige e tante grazie. Piero

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*