Il Siviglia prende Kiyotake. Spiraglio per Praet?

Denis Praet. Foto: Fiorentinanews.com

Sembrava certo il passaggio di Praet al Siviglia, dopo essere stato a lungo seguito dalla Fiorentina, ma nelle ultime ore gli andalusi hanno chiuso per Hiroshi Kiyotake, trequartista dell’Hannover. Potrebbe riaprirsi quindi uno spiraglio per Praet in viola, visto che il Siviglia potrebbe mollare la presa dopo aver speso 6,5 milioni per prelevare il giapponese dal club tedesco. Praet resta un pallino di Corvino, che potrebbe tornare a bussare alla porta dell’Anderlecht.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Il Siviglia è vicinissimo a Praet, il giapponese sostituirà Banega, Praet arriverà dato che la formazione andalusa incasserà quasi 40 milioni dalla cessione di Krychowiak al PSG.
    Krychowiak fu seguito dalla Fiorentina prima di andare al Siviglia per 5,5 milioni. Ennesima plusvalenza di una squadra dal “bacino d’ utenza” minore della Fiorentina che con 3 Europa Legue sul campo si è creata lo status di top europea. Praet seguirà la strada di Krychowiak o di Konoplyanka, giocatori dalle qualità indiscutibili che sarebbero potuti arrivare a Firenze per due spicci e che contribuiranno al successo tecnico ed economico del Siviglia.

  2. Cioè, questi non c’hanno i soldi neppure per riscattare un Capezzucolo di turno, e voi continuate a chiacchierare di “spiragli” per giocatori che costano non meno di quindici milioni, tipo questo qui o Pjaca? Ma la vogliamo finire una buona volta? Se non l’ha preso il Siviglia lo prenderà qualcun altro, MA DI SICURO NON NOI.

    Noi, invece, si giocherà per salvarsi alla svelta (speriamo) e poi vivacchiare: questo l’unico obiettivo, visto che quelle davanti continuano a crescere, che le milanesi hanno trovato i soldi da quella Cina dove pure i Fratellini Teleconferenza passano dai cinque ai sei giorni minimo in settimana, e che dietro ci sono squadre e società tipo Sassuolo, Toro e perfino il Cagliari neopromosso che stanno investendo molto più di noi, e si stanno ulteriormente avvicinando. Cerchiamo di mantenere il contatto con la realtà, che poi se il tifoso medio si illude (vedi i discorsi su scudetto e Champions a gennaio) è peggio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*