Il TRASFORMISTA

Sousa Barcellona 5

Almeno per quanto visto finora, crediamo che nessuna definizione per Paulo Sousa sia migliore de ‘il trasformista’ che utilizza per lui questa mattina La Gazzetta dello Sport. Il tecnico portoghese ha sempre cambiato la sua Fiorentina, di fatto, seguendo le orme del suo predecessore, Montella, che già l’anno scorso aveva utilizzato un turnover quasi selvaggio per preservare le forze della propria squadra. Per ora questo turnover ha dato i suoi frutti perché i viola hanno conquistato due vittorie su tre gare. Adesso c’è bisogno di un’altra prova importante perché giovedì c’è il Basilea, ovvero una formazione di livello internazionale, che proviene dalla Champions League (è stata eliminata nei preliminari).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. le certezze sono Rossi e Berna…..il resto deve andare sempre al massimo perche’ Pizarro non c’e’ piu’

  2. anche Allegri il primo anno ha vinto (con la Juve di Conte) è adesso che incomincia a vedersi il valore. Così accadrà alla Viola…..ma cosa trasforma….cosa?

  3. Posso capire un turn over ampio quando ci sono incontri ravvicinati per molto tempo, ma ora siamo agli inizi, non ci dovrebbe essere bisogno di tanto stravolgimento, altrimenti vuol dire che abbiamo dei giocatori di cartone; terrei più in considerazione una rosa titolare, alternando, quando necessita, quei tre o quattro elementi che possono ricoprire quei ruoli dove si evidenziano calo fisico, infortuni, squalifiche o semplice avvicendamento per far rifiatare il titolare.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*