Ilicic: “Avevo cattivi pensieri ed ero arrabbiato, ma a Firenze non mi sono arreso”

Ilicic Esultanza

A La Gazzetta dello Sport, l’attaccante della Fiorentina Josip Ilicic ha parlato del suo arrivo e di una prima fase in viola non troppo esaltante: «Quando ho scelto la Fiorentina pensavo di giocare subito. Invece non è andata così e ci sono rimasto male. Anzi, mi sono arrabbiato. Un calciatore che ha nella testa cattivi pensieri non riesce a dare il meglio. Il momento più difficile è stato quando sono stato fischiato dai miei tifosi, dentro il mio stadio. Ma non mi sono arreso. Poi, è arrivato Paulo Sousa: il mister fin dal primo giorno mi ha fatto sentire importante”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. I tifosi esprimono quello che vedono e provano, per questo pagano il biglietto facendo arricchire i giocatori, fa parte del gioco, come vorrei essere fischiato tutti i giorni ed essere pagato profumatamente…ora che giochi bene vieni applaudito…fa parte del gioco.

  2. piu’ che fallo giocare a passo e senza toccare palla e fagli tirare i rigori che inesorabilmente sbagliava, in difesa non tornava, si giocava in 10 in avanti e indietro, poi Gomez che si dava daffare ma non era il Kalinic di quest’anno….TUTTA COLPA DI MONTELLA, GIUSTO

  3. I tifosi giudicano quello che vedono in campo.
    Se si vuole ristabilire la verità storica, Montella fu spesso costretto a impiegarlo fuori ruolo perché non aveva attaccanti

  4. Forza josip ora guai fermarsi. Avanti sempre meglio.

  5. Segue: …. ragioni per cui stiamo andando così bene e alcuni giocatori prima poco considerati ora sono diventati titolari inamovibili. Cmq con Ilicic e Borja sono già 2 giocatori importanti che elogiano Sousa e ignorano (educatamente) Montella.

  6. josip non so quali erano i motivi ma tu facevi ridere e i fischi erano più che giusti in altri tempi avresti preso anche uno scapaccione.Forza Josip domani abburroacciugagnene!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*