Ilicic: gol e insofferenza, un rapporto strano con Firenze e la Fiorentina. La cessione è la scelta giusta?

Ilicic contrasta Cassani. Foto: LF/Fiorentinanews.com

Non impiegò tanto tempo Josip Ilicic a stregare il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, che rimase folgorato dalla sua prova nei preliminari di Europa League 2010/2011 dove i rosanero si trovarono ad affrontarlo quando vestiva la casacca giallo-viola del Maribor. Il Palermo lo acquista subito e 2 mesi dopo lo spilungone mancino segna il suo primo gol con i siciliani, trafiggendo l’Inter da perfetto sconosciuto. Ilicic mostrò fin da subito una grande classe, un sinistro eccellente e capacità balistiche fuori dal comune, riuscendo ad essere sempre pericoloso con le sue conclusioni mancine, anche da distanze che per la maggior parte dei calciatori potevano risultare proibitive. Il suo rendimento con la maglia rosa-nero fu ottimo e Ilicic venne acquistato dalla Fiorentina ad Agosto 2013, per 9 milioni di euro.

La sua prima stagione in maglia viola è stata caratterizzata da un infortunio che ne ha condizionato il rendimento; il gol fallito col Napoli in finale di Coppa Italia, di certo non ha giocato poi a suo favore. Ilicic è stato poi confermato, tuttavia la sua seconda stagione a Firenze non è ripartita bene, le sue prestazioni non sono state affatto buone tanto che poteva essere ceduto già a Gennaio 2015. Lo sloveno invece ha giocato una seconda parte di campionato sorprendente e ha terminato la stagione con 8 reti all’attivo, segnando gol che sono risultati decisivi per la conquista del quarto posto.

Con l’avvento di Mister Paulo Sousa, Ilicic è stato confermato con fermezza diventando un tassello fondamentale nello scacchiere del tecnico portoghese. Il numero 72 viola è l’attuale capocannoniere, con 13 reti in campionato e 2 in Europa League. Sicuramente un calciatore decisivo, si direbbe, e nessuno nega la sua importanza. Tuttavia lo sloveno non ha mai visto sbocciare del tutto l’amore con la città di Firenze, a causa del suo atteggiamento molto particolare in campo. Tante prestazioni caratterizzate da pochissima cattiveria, impegno, abnegazione. Un calciatore che si distingue per un’emotività tutta sua, decisamente particolare e difficile da decifrare, che però ne condiziona troppo il rendimento. In grado di passare dai fischi e dai mugugni di un intero stadio agli applausi scroscianti dopo l’ennesima punizione incastonata all’incrocio dei pali. La Fiorentina nel prossimo mercato estivo vedrà sicuramente arrivare delle offerte per il trequartista e già si parla molto del suo futuro; offerte succulente, non certamente inferiori ai 15 milioni di euro, che metteranno in discussione la permanenza di Josip a Firenze. A questo punto è necessario che Ilicic scelga chiaramente cosa fare del suo futuro, scegliere di dedicarsi alla Fiorentina o cercare un bel contratto, magari all’estero. Un calciatore molto discontinuo, ma sicuramente il calciatore con maggiore classe presente nella rosa viola; il mancino sloveno disputerà la 100esima presenza in maglia viola proprio contro la Juventus: una gran bella occasione per consacrarsi davanti al pubblico di Firenze, più che mai apatico e deluso dall’evoluzione della stagione della Fiorentina, e che non prenderebbe affatto bene un eventuale tracollo interno con gli odiati bianconeri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Spartacus quando uno legge dovrebbe anche avere il dono della comprensione. Razzolini fa un’ottima analisi, ha un suo giudizio certamente, ma nel TITOLO fa UNA DOMANDA, se la permanenza di Ilici può andare bene o no, non dice che per lui è meglio che sia venduto. Anche se fosse non ci sarebbe niente di male tra l’altro, si parla di calcio e ognuno ha le sue opinioni. Ma almeno sapere cosa stiamo leggendo si però…

  2. Da certi commenti si percepisce la frustrazione di quanti non sanno leggere un articolo e non capiscono il significato di ciò che leggono.

  3. Ilicic stà alla Fiorentina come Gabbiadini stà al Napoli, l’unica differenza è che noi non abbiamo un Higuain che gli soffi il posto.
    Parlare di cedere l’unico che segna e l’unico che ha visione di gioco solo perchè a volte non corre significa preferire le corse dei cani al gioco del calcio.
    Fate un pò voi..

  4. Ogni tanto, come i funghi, spunta un esperto ed oggi è spuntato tal Filippo Razzolini a dire le sue bischerate.
    Ilicic è forte e deve restare in Viola…… I giocatori migliori si tengono, Punto….
    Anche perchè non li sanno rimpiazzare e farci plusvalenze, vedi Savic, Jovetic, Ljajic ecc ecc.

  5. Io lo scambio ilicic – saponara alla pari lo farei subito. Magari 15 milioni sono anche pochi, ma ilicic è decisivo solo con le piccole . Se poi non si contano i 7 rigori (comunque è un merito!!) si ha la reale dimensione del giocatore che in rosa occupa il ruolo di nostra seconda punta. Lui e baba sono secondo me quelli sacrficabili, ma la parola spetta all’allenatore… Certo, in una società seria!!!

  6. ….ilicic lo venderai per fare il mercatino d’estate…giocatore con colpi di classe ma incostante dalle 10 / 15 partite a campionato. perfetto per la fiorentina che avra’ problemi a ritrovarne uno meglio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*