Ilicic, la carota e la bastonata di Sousa

Costantemente accusato di indolenza, a volte addirittura di poco impegno, la storia di Josip Ilicic a Firenze ha avuto tanti alti e bassi e pochi momenti di continuità assoluta: dopo l’ottima stagione passata, lo sloveno non si è più ritrovato e ha messo insieme una serie di prestazioni negative, condite da tanta sfortuna tra pali e rigori sbagliati. Su di lui si è esposto in modo importante Paulo Sousa, che un anno fa lo riteneva imprescindibile per giocare insieme a Kalinic: la bastonata è arrivata netta, vista la “sconfitta personale” a cui ha fatto riferimento il tecnico. Al tempo stesso però anche l’uso della carota, poiché Sousa ha parlato di “stagione straordinaria”, in riferimento alla scorsa, e di “giocatore in cui credo tanto”, in riferimento all’attualità. Comunque vada Ilicic resta e resterà sempre uno dei più discussi, a maggior ragione perché domani sera potrebbe avere una chance importante, vista l’assenza di Bernardeschi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Quest’anno è stato ridicolo fino ad ora. Io sono uno stimatore di ilicic, ma fino ad ora è stato inguardabile! Speriamo si svegli stasera!!!

  2. Ilicic deve darsi una svegliata. Ora basta atteggiamenti perdenti. Fuori gli attributi. Si è già rialzato diverse volte, lo faccia ancora.

  3. Insigne é stato fuori 6 mesi per una rincorsa di ilicic che comunque ne h fatte tante e non sempre con esiti che prevedevano la barella.
    In realtá lo scorso anno é stato continuo e straordinario, non gli si poteva dire nulla(almeno in buonafede) non solo per assist e goal ma anche per la fase di non possesso.
    Di punti ne ha portati tanti quindi non é certo scarso e neanche svogliato credo. A me pare uno che di infortuni ne ha avuti tanti ed inoltre pare molto emotivo e qu8ndi deve star bene di testa e nel fisico per far bene a parte che il suo ruolo non é facile e se non in palla nn combini nuola e magari fai anche figuraccia ma é normale ciò.
    Comunqie spero giochi con il milan e non solo lo scorso anno indovinò partite.quando ci stava montellq perdavamo a milalo 1 a 0 e lui subentrò 3le cambio la partita contro il milan e nn solo per il goal del pareggio.

  4. Appunto un bradipo che si muove con la lentezza animalesca propria di tale esemplare e con l’aria di chi è in campo per caso e magari per qualche tocchettino di tacco (ovviamente sbagliato per la ripartenza dell’avversario). Lo aveva mai visto rincorrere un avversario? Tornare in difesa per proteggere la squadra a centrocampo? Contrastare per mantenere il possesso palla? Dare l’impressione di voglia di vincere con il coltello tra i denti? No,NO,NO,NO e po ancora NO. Solo un’aria di sufficienza, indolenza, svagatezza e compitino per il minio sindacale. Giocatore inutile per noi da vendere al più presto. Al suo posto? Saponara o in ultima analisi Hagi. Del bradipo possiamo farne a meno e scordarcelo insieme a tutti gli “iC” salvo quello voluto (non a caso) da Sousa.

  5. Se é ispirato é determinante…sennó un bradipo vagante…

  6. I tifosi irosi hanno la memoria corta……..domani dentro e gol partita!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*