Questo sito contribuisce alla audience di

Incredibile in Copa Libertadores, l’odissea dell’Atletico Tucuman va a buon fine

Mentre in Italia era l’alba di mercoledì, in Sud America, si scriveva un’altra pagina di calcio, sì perché ciò che è successo all’Atletico Tucuman ha dell’incredibile. La squadra argentina era impegnata contro gli ecuadoregni del El Nacional ma siccome il teatro della partita, il mitico stadio Olímpico Atahualpa, si trova a quota 2.800 metri si era deciso di arrivarci solo il giorno della partita. Così ecco che a poche ore dal match l’Atletico sale sul proprio aereo privato pronto per raggiungere il luogo della sfida, peccato che gli viene negato il decollo e così rimangono a terra. Il tempo passa e per regolamento una squadra può avere un ritardo massimo di 40 minuti sull’inizio della partita, dunque i tempi si fanno strettissimi. Il club argentino decide di salire sul primo volo di linea disponibile e dopo una corsa in pullman arriva allo stadio in tempo, ma senza divise di gioco. Il tempo scorre inesorabile e il rischio di perdere a tavolino c’è. Le maglie sono rimaste nell’altro aereo, non c’era tempo per fare il cambio, ma la sorte è lì con l’Atletico Tucuman. Infatti proprio a Quito si sta svolgendo il Sudamericano Under20 con l’Argentina presente, ed ecco l’idea, farsi prestare le divise proprio dalla nazionale. E va così, con l’Atletico Tucuman che scende in campo con le maglie dell’Argentina, con altri nomi e altri simboli, ma il calcio è così e quando ti sembra tutto contro ecco che arriva la svolta. Il Tucuman vince, 0-1, grazie a Zampedri e si qualifica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*