IPOCRISIA E MANCANZA DI CHIAREZZA: MONTELLA E UN BRUTTO MODO DI CHIUDERE UNA BELLA AVVENTURA

image

Montella Palermo
Non sto qui a riportare le parole di Montella in sala stampa dopo la vittoria contro il Palermo. Tutti le hanno udite benissimo. Sono parole che suscitano al tempo stesso perplessità e anche un pizzico di indignazione. Cosa significa che i contratti si rispettano “a seconda dei punti di vista”? Il calcio è davvero un mondo a parte. Ci sono alcune domande che vorrei rivolgere a Montella in questo momento. Perché ha firmato un contratto fino al 2017, se vuole interromperlo ora? Avrebbe accettato serenamente la stessa decisione se fosse stata la Fiorentina ad interromperlo prima del tempo, senza pretendere il compenso per gli anni ancora validi? Le sue parole sono la conseguenza di dissapori con la società? con i giocatori? con i tifosi? Ma credo sarebbe uno sforzo vano. C’è un elemento che manca tragicamente nel calcio contemporaneo: la chiarezza. Grandi giri di parole. Mezze ammissioni. Frasi di ambigua interpretazione. Spesso tutto affogato in un turbinio di banalità e luoghi comuni. Le parole di Montella lasciano intravedere la volontà del tecnico di chiudere la sua esperienza con la Fiorentina anzitempo. Solo intravedere, però. Non sia mai che si chiudano tutte le porte. La via d’uscita per una retromarcia va sempre lasciata disponibile. E’ troppo chiedere di essere un po’ più diretti e un po’ meno ipocriti? Le bizze di calciatori e allenatori non sono una novità. Montella non costituirebbe un caso. Anzi, in fondo sarebbe solo un bis di quanto accadde col Catania quando puntò i piedi per venire alla Fiorentina. Qui lo volevamo e questo ci ha fatto passare in secondo piano un comportamento non certo cristallino in quella circostanza. Appare evidente che l’Aeroplanino ha deciso di concedere il bis e decollare per altri cieli. Nonostante alcuni grossolani errori nella conduzione tecnica della squadra e alcune frasi fuori luogo, ho sperato che Montella restasse l’allenatore della Fiorentina perché lo reputo un tecnico bravo e con personalità, anche se troppo permaloso. Tuttavia le ultime affermazioni hanno fatto crollare drasticamente la stima nei suoi confronti. Non come tecnico, come uomo. Che viene prima degli schemi, della tattica, dei piazzamenti. Ora si scateneranno gli specialisti del complottismo. Verranno tirati in ballo i fischi irriverenti dei tifosi, le ingerenze dell’eminenza grigia Cognigni, il braccino corto dei Della Valle. Davvero un brutto modo di chiudere una bella avventura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

84 commenti

  1. Su Montella si vive di ricordi legati alle prime impressioni. Dopo tre anni è evidente che non sa allenare la fase difensiva. Quindi non potrà mai vincere niente. E siccome come uomo è spregevole, a partire dai mal di pancia fino alla vigliaccata commessa contro Brillante, senza dimenticare la lista Uefa fatta per dispetto e che poi ci ha obbligati a reinserire Mati e Joaquin rinunciando per esempio a Gilardino, spero ardentemente che se ne vada. Tranquilli, il calcio non finisce con lui….

  2. Bravo GIux. Hai detto cose vere.

  3. mentre una proprietà che ogni estate proclama di voler vincere alzare non si sa quale asticella e poi non investe, per poter lottare, secondo lei è una proprietà chiara con i tifosi che poi sono clienti? Forse tuti vi dimenticate che i clienti finali sono i tifosi e se smettono di esserlo e cominciano a ragionare da clienti come si fa quando si acquista un cellulare o una tv molti anzi moltissimi proprietà sarebbero più chiare!!!

  4. utenza perché Man era al minimo storico crisi nera e Man è una citta grigia senza turismo, il calcio la resa grande nel mondo, ma prima ci sono stati investimenti…dati non mia ma storici riscontrabili su internet!!!!
    Non parliamo di Stadio perché tutte le squadre faranno lo stadio di proprietà, che vantaggio porta tale struttura, a parte la parte commerciale ovviamente!!!!
    E per quanto parli di ipocrisia dell allenatore invece una propietà che tute le estati dichiara di volere vincere SEGUE

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*