Isis: 80 frustate a chi indossa la maglia del Milan FOTO

Coreografia Tifosi Milan

Il radicalismo islamico non risparmia nemmeno il mondo del calcio e vestire le maglie della propria squadra del cuore può portare a tragiche conseguenze. Nella provincia di Al Furat in Iraq, l’Isis ha imposto il divieto di vestire diverse casacche, tra cui quella del Milan, prossimo avversario della Fiorentina. Chi non rispetta la legge rischia fino a 80 frustate. Nel mirino del Califfato anche Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Manchester City e Chelsea. La lista stilata dalla polizia religiosa locale include soprattutto le casacche prodotte dai colossi dell’abbigliamento sportivo Nike e Adidas. Secondo quanto riportato dal Daily Mirror, in Premier League sono finite nel mirino degli estremisti le maglie di Manchester United, Manchester City, Chelsea, West Bromwich e Sunderland. Colpite dal divieto anche quelle delle grandi di Spagna, Barcellona e Real Madrid, così come quelle delle nazionali di Inghilterra, Francia e Germania, tra le nazioni più impegnate nella lotta al Califfato islamico.

Secondo i dati rilevati dall’Osservatorio sulla Jihad e la minaccia terroristica (Jttm), chi dovesse violare la legge anti-magliette rischia fino a ottanta frustate sulla pubblica piazza.

Ecco la foto:

frustate-milan

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. A chi indossa quella di Chiellini invece riceverà 80 cazzotti ni’ naso fino a farglielo diventare come lui.

  2. scommetto che qualche tifoso si vestirà da iman

  3. questi un fanno di noccioli , ma allora perché non ne portiamo un po’ allo stadio domenica ?

  4. Ma quante ne inventeranno a milano per avere gli arbitri dalla sua..

  5. Alberto viola club Roma

    Ma la maglia dei giallozzozzi fuori da Roma non la conosce nessuno!!!

  6. Bisogna ricordargli la Gobba e i giallozozzi,amputare le mani e la lingua

  7. A quelli con la maglia gobba, invece, gli tagliano le mani …….

  8. …e per quella dei gobbi nulla???……vaiavaia…..

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*