Joaquin: “Mi è toccato correre come Eto’o per giocare con la Fiorentina. Una bocciatura di cui non avevo capito il perché”

JoaquinTorinoNon è stato certo un anno facile per Joaquin Sanchez, anzi all’inizio della stagione era stato accantonato da Montella così come conferma candidamente il giocatore a La Gazzetta dello Sport: “E’ stata dura – ha detto l’esterno spagnolo della Fiorentina – Non capivo il perché di questa bocciatura. Non mi era mai capitato nella mia lunga carriera di lavorare a parte durante la settimana mentre i compagni provavano gli schemi per la partita. Nel momento più critico mi sono aggrappato a una frase di papà Aurelio: “Devi avere pazienza e non mollare”. Ho lavorato con ancora più cattiveria e quando è capitata l’occasione giusta l’ho colta al volo. Tornando a essere un uomo felice…Per riprendermi una maglia da titolare ho dovuto trasformarmi in un esterno a tutta fascia. Come Eto’o ai tempi di Mourinho. Non ho mai fatto così tanti chilometri. Ma il tecnico è stato chiaro: se voglio giocare queste sono le condizioni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Approvo Renato e aggiungo…per il CALCIO servono uomini veri non solo alla VIOLA (se poi li abbiamo noi meglio)

  2. Per meritare il posto bisogna lottare e questo fa la differenza! Il posto sicuro non c’è per nessuno!

  3. Grande, grande, grande giocatore e grande persona. Questo, se non gioca, si allena con più cattiveria per convincere il mister. Altri sbarbatelli (leggi Babacar &C.), se non giocano sono ancor più infingardi e iniziano con il sottile ricatto del rinnovo. Per la Viola ci vogliono uomini, non mammole !!

  4. anche noi vorremmo capire perche meta stagione l’hai fatta in panchina. rimarra uno dei tanti misteri…. tu cmq sei un grandissimo

  5. Questo si che è un Signor giocatore tecnicamente devastante e adesso anche intelligente tatticamente…..per i criticoni pagato 3 palanche….

  6. Un fuoriclasse.
    Vederlo giocare è uno spettacolo nello spettacolo, si merita il posto da titolare e ogni riconoscimento .
    Oltre ad essere un campione sembra una persona umile e simpaticissima.

  7. Bravo, bellissime e importanti prestazioni. Spero continui cosi!!!
    Quando ha la palla tra i piedi riesce sempre a giocarla con tecnica e intelligenza, non sono poi tanti i giocatori con questo talento.
    A margine invece ni piacerebbe sapere quale é stata la svolta che ha convinto Montella a far giocare (quasi) sempre Tomovic? La lentezza??

  8. perché Montella ha le sue fisse caro Joaquin! E’ andata bene se giochi ancora con noi!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*