Jovetic e la Fiorentina. E’ l’anno del ritorno dell’amore?

“Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano”, cantava così Antonello Venditti nel lontano 1991. A quell’epoca Stevan Jovetic aveva solo due anni e non pensava sicuramente che uno dei colori più importanti della sua vita sarebbe stato il viola. Cinque anni intensi con la maglia della Fiorentina addosso, prima dell’inevitabile addio in cerca di quella consacrazione europea che mai è arrivata. Adesso però, a distanza di quasi quattro anni dall’addio a Firenze, Jovetic potrebbe riavvolgere il nastro e ritornare nella città in cui è diventato grande. La sua esperienza in nerazzurro è agli sgoccioli, il feeling con la piazza non è mai scattato e il montenegrino ha bisogno di una piazza in cui possa sentirsi nuovamente importante. L’unico ostacolo nella trattativa è il diritto di riscatto, fissato a 14,5 milioni di euro, e divenuto obbligo. Questo perché per l’obbligo di riscatto c’erano due strade: una presenza di Jovetic in questo campionato o un‘Inter non nelle ultime tre posizioni in classifica a dicembre. I nerazzurri quindi, vorrebbero cedere Jovetic e contemporaneamente liberarsi anche dell’obbligo di riscatto, da accollare alla futura squadra del montenegrino. La Fiorentina ci ha già provato in estate e lo rifarà anche a gennaio: Corvino vuole regalare a Firenze il suo ex pupillo, per tornare grandi assieme. Perché, come cantava Venditti“certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Ma non scherziamo,che resti all’Inter:avrei difficolta’ ad accettarlo gratis,non per il ragazzo cone persona,ma per la sua situazione fisica:ha giocato pochissimo negli ultimi tre anni,e poi 14,5 milioni,non siamo mica matti.

  2. Francesco 73

    Ma che siamo matti….

  3. Jovetic, dunque, 14,5 mil. più l’ingaggio. Per farsene?
    Se parte Kalinic, il sostituto non è lui.
    Volete farlo giocare al posto di Bernardeschi o Chiesa?
    Un’operazione solo d’immagine.

  4. No

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*