Jupiler Pro League: dal Belgio DIECI calciatori interessanti a portata di Fiorentina

Leander Dendoncker, centrocampista dell'Anderlecht

La massima divisione belga è un campionato ricco di talenti interessanti, spesso venduti a peso d’oro dopo la definitiva esplosione. La mossa giusta è quella di andare a bloccarli nel momento opportuno e compiere operazioni intelligenti e redditizie, in campo ed in caso di futura cessione. Milinkovic-Savic è l’ultimo esempio, Hazard, Courtois, Lukaku, De Bruyne, Meunier, sono alcuni tra gli esempi più significativi del valore della Pro League. Vediamo adesso 10 calciatori interessanti che fanno al caso della Fiorentina.

Antonio Milic (10/03/1994) KV Oostende:- Omonimo del terzino della Fiorentina, cresciuto nell’Hajduk, è anche lui mancino ma gioca come difensore centrale anche se all’occorrenza ha fatto pure il terzino. Fortissimo di testa, fisicamente un colosso, ha una buona tecnica e un tiro potente, grande inizio di campionato con l’Oostende.

Dion Cools (4/06/1996) Club Brugge:- Belga-malese, la partenza di Meunier direzione Psg ha permesso a questo interessante terzino destro di giocare da titolare. Corporatura perfetta (1,85 m per 79 kg) dotato di grande resistenza fisica, ottima tecnica e capacità palla al piede. Maggiori le qualità nella fase offensiva ma bravo anche nella copertura. In campionato ha già realizzato 3 reti.

Thomas Foket (25/07/1994) KAA Gent:- Calciatore che ha nella fascia destra il suo habitat: ci può giocare come terzino, come tornante, o come ala vera e propria. Grande spinta, buona velocità e buon dribbling, ottima tecnica; riesce a partecipare molto bene alla manovra offensiva con cross molto precisi. Deve crescere in fase difensiva, essendo nato come vera e propria ala d’attacco. Recentemente ha conquistato pure la nazionale maggiore belga.

Timothy Castagne (5/12/1995) Genk:- Cresciuto come difensore centrale, si è imposto come terzino destro, ma spesso gioca anche a sinistra. Ottimo nel gioco aereo, spinge bene e crossa altrettanto bene. Sa impostare l’azione e non va in affanno col pallone tra i piedi. Prospetto interessante.

Leander Dendocker (15/04/1995) Anderlecht:- Dendoncker è uno dei tanti gioielli del florido vivaio bianco-malva dell’Anderlecht. Gioca come mediano davanti alla difesa, dove sfrutta il suo fisico imponente per pressare e interdire, recuperando un’infinità di palloni. Tecnicamente più che discreto, grande intelligenza tattica e  spiccata personalità. All’occorrenza gioca anche come difensore centrale, ruolo che ha ricoperto col Belgio. Sta migliorando in fase realizzativa.

Sofiane Hanni (29/12/1990) Anderlecht:- Algerino, gioca come centrocampista offensivo o ala, sia a destra che a sinistra. Rapido, tecnico, abilissimo nel regalare assist ai compagni. L’Anderlecht se l’è assicurato dopo che Hanni aveva impressionato con il Mechelen. Calciatore di grande personalità, si è subito imposto fra i titolari.

Bryan Heynen (06/02/1997) Genk:- Mediano, giocatore solido e geometrico allo stesso tempo; grande personalità e temperamento, lineare nel gestire il pallone, un uomo d’ordine. Ragazzo da tenere d’occhio.

Edmilson Junior (19/08/1994) Standard Liegi:- Messosi in luce nel Sint-Truiden, Edmilson gioca come attaccante esterno puro o seconda punta. Destro di piede, grandissima tecnica, ottimo dribbling, è uno dei migliori talenti offensivi del campionato belga.

Landry Dimata (1/09/1997) KV Oostende:- E’ un attaccante che sa lavorare bene per la squadra, bravo spalle alla porta e a fare da sponda. Combattivo, tecnico, mancino puro, fisico di tutto rispetto. sta segnando con buona continuità alla sua prima stagione nel massimo campionato, dopo essere andato in gol a raffica con l’Under 19 belga.

Lukasz Teodorczyk (03/06/1991) Anderlecht:- Devastante il suo impatto all’Anderlecht. Punta centrale di grande fisico, gambe lunghissime, fortissimo di testa e in area di rigore. Non bello da vedere ma efficace. Ottimo piede destro e grande visione di gioco. Calciatore che trova con facilità la via del gol. In Nazionale fa coppia con Milik o Lewandowski, in un attacco di enorme qualità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Ma pensate che Corvino prenda qualcuno di questi che hanno già una buona quotazione? Scordiamocelo anche perché il cambio tecnico a giugno determinerà la nuova campagna acquisti. A gennaio non succederà nulla tranne la possibile cessione di Badelj che sarebbe obbligata.

  2. supercannabilover

    Teodorczyk e’ nel giro della nazionale polacca, ne parlano bene, l’ho visto giocare ma non mi ha impressionato, comunque e’ gia’ fuori budget per gli avidi dv.

  3. Abbiamo in Italia giovani di questo spessore?oppure in Italia facciamo solo chiacchere di spessore?

  4. La difesa è certo che bisogna migliorare e qualche talento giovane ci può dare una mano e invece in attacco non ha senso prendere dei giocatori(anche se fossero di talento, cosa che non dubito) perchè ne abbiamo molti di talento e ne facciamo giocare solo uno. Invece come terzino o ala sinistra potrebbe venire uno che sappia spingere in avanti la squadra e crossare bene, abbiamo Tello, certo, ma una riserva forte oppure un sostituto di Tello non sarebbe male, abbiamo Milic o Olivera na loro devono ancora crescere e cercare più spazio.

  5. Yasin Ben El-Mhanni, ecco un giovane da prendere a occhi chiusi! Gioca nei giovani del Newcastel United e Leon Bailey del Genk (peccato che adesso c ha una valutazione di 12mln circa… dovevamo prenderlo l estate scorsa).
    Non sono i ruoli che ci servono, ma sono giocatori di qualità, giovani e che hanno un futuro assicurato.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*