Questo sito contribuisce alla audience di

Kalinic, ma chi l’avrebbe mai detto?

Blocco (momentaneo) col Milan, tentativo di sorpasso dell’Inter, ma Nikola Kalinic resta ancora un giocatore della Fiorentina e a questo punto è anche probabile che parta con la squadra per la trasferta di Lisbona contro lo Sporting. Chi l’avrebbe mai detto fino a qualche giorno fa? Chi l’avrebbe mai detto dopo la sua presa di posizione pubblica perentoria (“la mia storia con la Fiorentina è finita”) e dopo i reiterati permessi a lasciare il ritiro di Moena per “problemi familiari”. Tutto questo periodo non è servito per trovare una soluzione al suo caso e, soprattutto, un centravanti nuovo di zecca per la squadra e per Pioli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Che figura di mer… Kalinic si dovrebbe vergognare. Voleva il Milan a tutti i costi e ha dato l’addio alla Fiorentina con diversi mesi di anticipo. E ora succede che il Milan ha messo il freno e non è detto che alla fine lo acquisterà. Kalinic è fortunato perchè in questa società viola ci sono al timone Cognini e Corvino, che gli consentono di ritornare a Firenze. Io lo avrei rimandato in Croazia e lo farei ritornare soltanto quando si troverà una società disposta a comprarlo. Cento milioni per questo non ce li danno, e nemmeno 50. E nemmeno 30. E allora meglio rivenderlo in qualche altro Paese. In Italia, salvo Milan e Juventus, non ci sono società in grado di spendere tutti questi soldi per un giocatore modesto come Kalinic.

  2. Groppone da spugnole

    Il Toro, ha una tifoseria di primo livello…la fiesole è diventata una ribongia di checche isteriche, lenzolai analfabeti e di persone mentalmente devastate. Quando si vuole cambiare prima bisogno avere il ricambio, non al buio.
    Con il COLLETTIVO tutto questo non sarebbe successo.

  3. e BELOTTI allora cosa dovrebbe dire e fare? eppure sta in silenzio e si allena…questo è un professionista VERO..e il TORO ha una dirigenza come si deve..invece qui parla chi non deve,e sta zitto chi dovrebbe parlare

  4. É veramente un paradosso. Kalinic é un giocatore della Fiorentina e tu, visto che ha detto che vuole andare via, lo avresti subito svendita al prezzo voluto dal Milan. Se tutte le aziende facessero cosí, sai quanti fallimenti!! Kalinic ha ancora due anni di contratto + una opzione a favore nostro per un altro anno, quindi chi lo vuole deve pagare il prezzo fatto dalla Fiorentina, altrimenti c’è lo teniamo. E giustamente, considerato che c’é la possibilità che rimanga a Firenze, continua ad allenarsi regolarmente perché, se poi dovesse rimanere, mi sembra il minimo che sia allenato e giochi al meglio possibile per noi. Da quello che ho capito a Pioli non farebbe schifo che rimanesse, quindi…. La tua é, come al solito, critica a prescindere, del tipo “piove, governo ladri”.

  5. Insider ma cosa dici? Che pretendevi di regalare Kalinic al Milan non appena ha dichiarato di voler andar via? Quello sì sarebbe stato autolesionismo. Credo al contrario che si stia gestendo al meglio questa vicenda: o lo vendiamo al miglior offerente, ma al prezzo che diciamo noi, o resta e, come dice Uccellino, probabilmente farà con noi una grande stagione.

  6. Kalinic resterà con noi e con il gioco di Pioli farà almeno 20 gol. Occorre convincere il ragazzo che pensava di andare a guadagnare un sacco di soldi dopo le offerte dei cinesi.

  7. Kalinic è come la ragazza dalle belle ciglia “Tutti la vogliono e nessuno la piglia”

  8. Altra situazione gestita con rigoroso dilettantismo (e puro autolesionismo) dal duo Co&Co. Oramai è un fatto di conclamata evidenza: ogni vicenda alla Fiorentina con targa marchigiana diventa un caso da cui la società ne esce con l’immagine compromessa. Inutile compilare la lunga lista che tutti conoscono. Alla base c’è l’insopportabile arroganza di chi si crede sempre una spanna sopra tutti gli altri (vero DDV?). Errare è umano, ma perseverare è da cretini.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*