Kalinic, un’arma a doppio taglio e con scadenza molto lunga

La Cina è una sorta di spada di Damocle prolungata per la Fiorentina. A che cosa ci riferiamo? Al fatto che l’offerta fatta dal Tianjin Quanjian a Nikola Kalinic ha una scadenza molto prolungata nel tempo. Nel grande paese asiatico il mercato finisce addirittura il 26 febbraio e fino ad allora non sarà possibile tirare un sospiro di sollievo, a meno che il giocatore non decida di porre fine a qualsiasi trattativa mandando un chiaro segnale alla squadra allenata da Cannavaro. Per capirsi, è quello che ha fatto Diego Costa del Chelsea, che ha detto che non si sarebbe mai trasferito in Cina e sarebbe rimasto a Londra per giocare per il titolo in Inghilterra.

La Fiorentina vorrebbe sapere al più presto dal giocatore qual è il suo intendimento, ma è anche vero che, avendo messo una clausola rescissoria, non è che possa avanzare più di tante pretese. E’ in pratica esposta alle intemperie ed è una spettatrice in questa faccenda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Michele da Milano

    Ma tifaci te per Milan e Inter pezzo di somaro

  2. La gente come voi ride a prescindere basta dire ***** della Fiorentina ma tifa Milan o Inter

  3. Michele da Milano

    Sarebbe bello se ce lo prendessero a mercato chiuso. Allora si che si ride

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*