La chiave per svoltare

Il centrocampista della Fiorentina, Matias Vecino. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Paulo Sousa si è finalmente deciso a cambiare modulo e ieri sera ha schierato la sua Fiorentina con il 4-3-1-2, per poi passare ad inizio secondo tempo al 4-3-3 a causa dell’avvicendamento tra Kalinic e Tello. Il tecnico portoghese si è affidato alla difesa a quattro, ma la vera novità è il centrocampo a tre, che Sousa ha schierato solo all’Olimpico contro la Lazio nell’ultima giornata dello scorso campionato. Una mediana a tre esalterebbe le caratteristiche dei centrocampisti viola: Badelj avrebbe al suo fianco due mezzale del calibro di Vecino e Borja Valero, pronte ad inserirsi in area di rigore non appena possibile. L’uruguaiano, inoltre, ha segnato gli unici suoi due gol proprio contro la Lazio perché ha avuto la possibilità di inserirsi, cosa che non accade quando il centrocampo è a due. Borja Valero, infine, giocherebbe finalmente nel ruolo a lui più congeniale. Dalla panchina ci sarebbero pronti per dare il cambio ai titolari Carlos Sanchez e Cristoforo, che nelle partite giocate hanno dimostrato di poter dire la loro nella Fiorentina attuale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*