Questo sito contribuisce alla audience di

La contestazione e la delusione nello spogliatoio viola

Lo ha raccontato Sinisa Mihajlovic ma ci sono anche conferme da parte di altre fonti. La contestazione e i fischi, nonostante la vittoria, hanno lasciato il segno all’interno dello spogliatoio viola. Molti giocatori della Fiorentina erano tristi e non si capacitavano dell’accaduto. Del resto è anche evidente che una parte della tifoseria ha intrapreso una vera e propria guerra con l’allenatore, guerra che finisce per coinvolgere tutto e tutti.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

9 commenti

  1. Difficile situazione: l’allenatore ha ormai chiuso con la città e, forse, con la società . Il Ds sarebbe bene che chiudesse alla svelta. La società non si capisce se ha voglia di riaprire, di chiudere, di socchiudere o che altro.
    Comunque una situazione così si risolve soltanto riprogrammando daccapo, a partire dallo staff dirigenziale, per poi continuare con lo staff tecnico.
    Per essere chiari se l’intenzione è quella più volte sbandierata dalla società (tornare ad alti livelli in Italia e in Europa), non può essere Delio Rossi l’allenatore giusto. Gli unici allenatori possibili per questo obiettivo sono: Capello, Lippi, Ancelotti, Spalletti. La società non può permetterseli? Allora inutile star qui a far discorsi di castelli in aria……

  2. Se i giocatori non capiscono il perchè dei fischi, si guardino le registrazioni delle partite e allora capiranno! Noi tifosi siamo arcistufi di vedere spettacoli del genere! Io scrivo commedie teatrali comiche….quasi..quasi la prossima la dedico al gioco viola con Sinisa
    ….capocomico!

  3. Credo siano tristi perchè, nonostante avessero come avversaria una squadra che ha fatto di tutto per farci fare bella figura, non sono riusciti a farci intravedere un minimo di organizzazione. Come si fa a mettere in campo simili giocatori, quando abbiamo giovani che in altre squadre avrebbero già fatto numerose presenze (Babacar, Lialic, Acosty………)? Credo sia giusto cambiare e provare un altro allenatore, che valorizzi i nostri giovani.

  4. Lasciamo stare i ricordi e pensiamo all’oggi. Noi tifosi abbiamo bisogno di gioire ogni tanto con una buona partita con un gioco: oggi niente di tutto questo e se è vero che la colpa è anche dei giocatori è sicuramente vero che le responsabilità di sinisa non tante, basterebbe ogni tanto far entrare un giovane al posto di uno moscio così capirebbe invece alle palle solo per dire io sono il massimo vado avanti per la mia strada ……. ma vaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

  5. Il cambio dell’allenatore non risolverebbe nulla. La squadra si è indebolita e quindi niente sogni di gloria, Anche questo anno fuori dalla lotta per le coppe. Se la societa’ non investe rassegnamoci.

  6. OH!! Poverini, erano tristi ed amareggiati. Ma scherziamo gente, questi guadagnano quello che noi non vedremo in più vite , vanno in campo giocando da schifo come ieri e pretendono il bacia mano!!Comunque
    oramai è chiara una cosa ,che sinisa o non sinisa questa è una squadra di mediocri (salvo Gilardino e Jovetic) per cui poichè da una rapa non ci cavi sangue l’è tutto da rifare. Innesti di giocatori diversi da questi ,ma innesti che non arriveranno mai con gente che ha da tempo deciso di mollare la squadra.Non ci resta che soffrire anche quest’anno e sperare in un miracolo.

  7. Ma non siete mai contenti e basta con i fischi!!!! Che masochisti che siete!!!!

  8. erano tristi? ahahahahahahahahahahahah!!! buona questa!
    legateli a una sedia e fategli rivedere le ultime
    40 partite della fiorentina, allora sì che diventeranno tristi!

  9. chiacchiere! Non si puo` restare in Paradiso a dispetto dei santi…soprattutto a Firenze dove i santi sono considerati semplici esseri umani.
    Mihaijlovic non piace alla tifoseria, non da’ un gioco alla squadra (ieri e` stata la dimostrazione lampante), non trasmette orgoglio e voglia di vincere. Puo’ anche darsi che lui funga da capro espiatorio verso una societa` che comunque non ci convince e che non sentiamo piu’ vicina e che perdipiu’ aveva l’asso nella manica (Antognoni) per riallacciare con tutti noi ed ha preferito tettino e mencucci.
    Mi dispiace, ma io vorrei Delio Rossi subito.
    Ora e sempre Forza Viola.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*