LA COPPIA DEI SOGNI: UNA BESTIALITA’ O UN’OPPORTUNITA’?

A volte tornano. Soprattutto se sono stati dati in prestito. Nel futuro prossimo della Fiorentina c’è la coppia Rossi-Gomez. Almeno per un saluto (e un’occhiata all’Iban) devono ripassare di qua. Terminato l’anno di esilio concordato, rientreranno alla base, questo è certo. Magari per ripartire subito dopo. Oppure no? Rossi al Levante ha trovato la continuità di gioco che desiderava. Ha fatto qualche gol, anche se non è riuscito nell’impresa di evitare alla seconda squadra di Valencia la retrocessione, e ha mostrato tenuta fisica. Chi lo ha seguito con attenzione sostiene, però, che a Firenze rientra un onesto attaccante, non il fenomeno che abbiamo applaudito solo per uno spezzone di campionato. Il mattatore della Vecchia Signora è ancora solo un ricordo. SuperMario di gol ne ha segnati a grappoli, tuttavia se si sciorinano i nomi delle “vittime” si comprende che quello turco non è poi un campionato proibitivo. Insomma Gomez ha giganteggiato fra i lillipuziani. Eppure la coppia ci aveva fatto sognare al quadrato (e non c’entra Cuadrado che con loro avrebbe composto un tris da sballo): prima singolarmente, poi in tandem quando stese il Genoa con una doppietta ciascuno. La malasuerte ha impedito alla Fiorentina di schierare un binomio d’attacco, almeno sulla carta, tanto ben assortito quanto letale per gli avversari.

Ora gli infortuni sono alle spalle. E il morale dovrebbe essersi ricaricato. Il loro cartellino non costa niente perché sono ancora di proprietà della Fiorentina, magari l’ingaggio non è proprio in linea con l’austerity intrapresa dalla società. Ipotizzare di affidarsi all’ex coppia dei sogni è proprio una bestialità? In fondo sia Pepito che il tedesco hanno il gol nel Dna. Il loro curriculum lo certifica. Ai viola è proprio ciò che manca. Nessuno dei componenti della rosa attuale può vantare questo fiuto per la rete. Anzi, alcuni sembrano avere il raffreddore fisso. Certo, i dubbi e le incertezze sarebbero una montagna. A cominciare dal modello di gioco attuato da Sousa. E pensare di avviare un’altra stagione sui presupposti di una scommessa fa venire i brividi. Tuttavia è difficile sottrarsi alla suggestione poter di rivedere in viola la coppia dei sogni. Che, si sa, muoiono all’alba. Ma talvolta anche no.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

32 commenti

  1. Maurizio firenze

    Hai detto bene te s69 e cisko siete a livello valcistico come du bimbi di tre anni…non ci capite meno di zero ..COME SOSA..

  2. Maurizio firenze

    Ma vai a letto e copriti CISKO sei il nulla assoluto di calcio ci capisci come SOSA …ZERO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*