La corsa alla Champions continua tra le tensioni

La Fiorentina a Bologna strappa solamente un punto e continua, anche se a rilento, la sua personale corsa al terzo posto, ultimo utile per entrare in Champions League. I viola non vanno oltre il pareggio e anche fuori dal campo non si respira un’aria particolarmente tranquilla. Il mercato, inutile nascondersi, ha lasciato in sospeso tante tematiche tra allenatore, società e direttori sportivi e saranno tutti temi che prima o poi andranno affrontati. In tutto questo la Fiorentina di Sousa si prepara al ciclo di ferro del mese di febbraio con il doppio scontro con il Tottenham in Europa League e i big match di campionato contro Roma e Napoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Basta tensioni. Pensare a battere l’Inter. Pensare una gara alla volta senza alibi. Mari è stato bischero perché se sei ammonito non fai una cosa del genere. Ma la prima ammonizione si deve dire che non esiste. La gara anche in 10 con più artenzione si doveva vincere, si doveva lottare di più, si doveva crederci di più. Non esiste subire un gol come abbiamo fatto noi.

  2. @mauro la colpa è dei DV senza dubbio. Sono loro i primi rappresentati della Fiorentina. Io non assumo qualcuno che fa un altro “mestiere”. Per essere competitivo mi servo di dipendenti competitivi. Punto a basta.

  3. Ma invece di cercare scuse (si sa che Mati è un giocatore per noi dannoso a prescindere dalla espulsione, non ci serve a niente) domandatevi come mai nelle ultime tre partite abbiamo perso 4 punti rispetto al girone di andata e con il Carpi ne abbiamo arraffati tre al posto di uno pure immeritato. Se avessimo perso come meritavamo adesso saremmo al pari della Roma (che oggi vince di sicuro). Stiamo scivolando, quasi franando ve ne accorgete?Il ciclo di ferro? Meglio andare a fare delle passeggiate altrimenti ci vuole un medico che ci curi il fegato!

  4. Ieri Roncaglia non ha giocato male. Poi che ne faccia una buona e molte brutte è anche vero (con le romane è stato una pena). Ma ieri nulla da dire. Ma lì la colpa lo sappiamo di chi è. Se si prendeva un difensore all’altezza di Gonzalo e Astori parleremmo di altro.

  5. Finche eravamo in 11 il Bologna era poca cosa e dopo il gol viola fossimo rimasti in 11 senza la ……. di Mati anche se l’arbitro c’ha messo del suo non ammonendo Diawara nel primo tempo avendo fatto un fallo da ammonizione su Mati netto e comunque in 11 avremo vinto .
    Peccato sarà per la prossima volta comunque speriamo in Belanuane perché Roncagli non si può vedere.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*