Questo sito contribuisce alla audience di

La delusione dei ‘nuovi’ giovani

Da Wolski a Rebic passando per Alonso e Vecino, quello che ha trovato più spazio è certamente l’ultimo di loro, che a differenza dei compagni ha trovato un pizzico di continuità in più. Ma nelle pochissime occasioni in cui li abbiamo visti in campo, nessuno è parso pronto per la Fiorentina e per la Serie A. Sicuramente sono prospetti interessanti dal futuro assicurato, ma forse Montella avrebbe preferito giocatori un pochino più pronti, basti pensare a Matos che pur avendo, più o meno, la stessa età degli altri, non solo ha trovato la fiducia del mister, ma ha anche trovato continuità in campo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA