La fine di un’epoca: lascia il costruttore del Siviglia dei miracoli

Ala base dei successi del Siviglia c’è una persona su tutte: Ramón Rodríguez Verdejo, in arte “Monchi“, direttore sportivo del club andaluso dal 2000 ed in grado di portare il Siviglia dalla Segunda Division al tetto d’Europa (League) per ben cinque volte. Senza contare i trofei a livello nazionale e le vastissime plusvalenze ottenute sul mercato dai vari Dani Alves, Adriano, Keita, Aleix Vidal, Rakitic, Luis Fabiano, Sergio Ramos, Julio Baptista e chi più ne ha più ne metta. Da pochi minuti è ufficiale sul sito della formazione rojiblanca la comunicazione dell’addio del ds, che ha di fatto costruito una vera e propria epopea e che non arriverà alla scadenza del contratto, in programma per il 2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Caro Stefano la differenza oltre alle due proprietà di cui una deve fare per forza cosi l’altra invece i soldi c’è l’ha ma non li tira fuori , comunque a prescindere da questo è che il Siviglia i soldi di Bacca tanto per fare un nome l’ha immessi tutti sul mercato noi i soldi di Cuadrado non si sa dove sono andati .

  2. GRANDE condivido quello che hai scritto…però a Firenze ci sono persone (tifosi?) che utilizzano l’equazione…soldi spesi=trofei…non per città come la nostra…realtà che possono togliersi qualche soddisfazione solo seguendo la strada intrapresa dal Siviglia.
    SFV

  3. Uno che ha fatto miracoli vorrà che questi gli siano riconosciuti. Della balle neanche riconosce Antognoni, figuriamoci. Le sorelline non possono condividere la notorietà che da Firenze. Non vendono perché a costo 0 hanno un grande ritorno d’immagine che a qualunque multinazionale costerebbe milioni l’anno e invece loro la ottengono con l’autofinanziamento. E poi ragionano questi ciabattini che neanche mettono tods sulle maglie, meglio prestare denaro a tassi ottimi a rischio 0 visto che anche la società debitrice è loro. Anche quest’anno vendere i migliori per fare plusvalenze. Grandi ciabattini. Voi sì che avete capito tutto da questa vita, ma niente di noi fiorentini. Ci saranno meno abbonati che in c2. Questo è il vostro risultato di 15 anni della vostra presenza a Firenze. Forse la proprietà più ricca che abbiamo mai avuto, ma anche quella che sarà immediatamente cancellata dalla memoria. Ridicoli e offensivi. Via da Firenze.

  4. Allora GINO e tu sei proprio di coccio,più che original. Il Siviglia con Monchi,in meno di 10 anni ha potuto usufruire di oltre 300 milioni di plusvalenze. Sai cosa significa? Che ogni anno,tutti gli anni,hanno ceduto i loro migliori calciatori e poi hanno riacquistato talenti alla metà di quanto incassato (basta che leggi l’intervista a Monchi perché lo dice lui stesso),senza che ci fossero dei fracassa balle che ogni giorno ripetono che si deve tenere a vita i migliori e comprarne altri ancora più forti,anche a costo di fare una vagonata di debiti Ovviamente devi saper acquistare talenti veri,funzionali alla squadra ed avere anche tanta fortuna,come detto esplicitamente dallo stesso Monchi,quando ebbe il colpo di sedere di acquistare Dani Alves per 500 mila euro e poi lo cedette al Barca per 40 milioni di euro. Se sei il Real,il Bayern,il Barca,il City puoi comprare fenomeni già pronti per vincere,se sei il Siviglia,il Valencia,la Fiorentina etc…devi fare come ha fatto questo signore,altrimenti tu duri quanto un gatto in autostrada. Fine dei discorsi.

  5. Puoi prendere chi vuoi ma senza soldi non si cantano messe!

  6. Certo che i braccini mocassinati dovevano prendere Monchi,ma sicuramente i fenomeni come te quando la Viola cercava il polacco Krhichowiack ,che andato al Siviglia ora è diretto verso il Barcellona,pontificava: ma icche si piglia un polacco!!!sapete solo criticare e fare i fenomeni con la tastiera

  7. Magari potesse venire da noi Monchi !!!
    Sarebbe eccezionale!!!!!! L

  8. Questo i braccini mocassinati dovevano prendere….

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*