La Fiorentina chiede aiuto. Ora tocca ai tifosi

FiesoleFiorentinaGenoa

E’ chiaro il messaggio che la Fiorentina vuole mandare aprendo l’allenamento di domani a tutti i tifosi. I viola, dopo la sconfitta contro la Roma, vogliono ripartire perché ancora nulla è perso e la Champions resta un obiettivo concreto da inseguire. Così la Fiorentina apre le porte ai suoi tifosi chiedendo una mano a chi sempre sostiene i colori viola perché adesso le partite si vincono tutti insieme, soprattutto ora che la squadra ha manifestato una certa stanchezza. Dunque domani, e allo stadio con il Verona, la Fiorentina chiama i suoi tifosi a raccolta per cominciare a correre tutti insieme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Questi vituperati tifosi, anche quest’anno, ti hanno portato un fatturato record. Ma te, come i tuoi amici di Casette, preferite enfatizzare ciò che mettono loro, che per inciso sono spiccioli rispetto a ciò che i tifosi nel loro insieme danno alla Fiorentina. Poi bisognerebbe vedere se questi 14, come quelli del 2014, 2013 ecc, nn li recuperiamo sull’esercizio successivo. Certo anche nell’ultimo bilancio, ci sono quegli 80 milioni di passivo, al netto degli ingaggi, che sembrano un po tantini.

  2. Il problema è che ci vorrebbe gente come te. Nn capisco perché nn vai in curva a guidare il tifo. Da quello che scrivi son sicuro che sei molto bravo

  3. Forse non vi accorgete di quanto tutti gli anni aprano il portafogli visto che anche quest’anno hanno messo 14 mln di tasca propria. Poi si può aver dei dubbi sulle scelte ma è troppo facile fare i b..i col c..o degli altri

  4. Se tocca ai tifosi sta fresca, ahahahah!!

    Dall’essere una delle migliori tifoserie d’Europa ad essere una delle peggiori del panorama nazionale (includo anche serie D ed Eccellenza, dove si trova di meglio), il passo è stato rapidissimo.

  5. Se avevano aperto un pochino il portafoglio era meglio invece di prendere 3 prestiti scartati da tutti e infortunati È mancata di più la ssocietà a gennaio che ll’apporto dei tifosi pperché quello c’è stato e ci sarà sempre

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*