La Fiorentina del futuro a partire da domenica. I tre possibili scenari viola

Montella Grasshoppers grandeLa Fiorentina domenica sera giocherà la sua ultima partita della stagione, sarà di fronte ad un ‘Franchi’ desolato, con tanti giocatori che daranno l’addio alla maglia viola e il futuro dell’allenatore ancora tutto da scrivere. Certamente dal triplice fischio di Fiorentina-Chievo partirà la costruzione della squadra della prossima stagione e il primo nodo da sciogliere sarà proprio quello relativo a chi si siederà in panchina. In questo senso si possono delineare tre possibili scenari, il primo e probabilmente quello che piace di più anche ai Della Valle, la conferma di Montella con un progetto chiaro e senza fraintendimenti tra il comparto tecnico, la proprietà e la città. Gli altri due scenari, invece, si prenderebbero in considerazione solo se Montella non accettasse la proposta dei Della Valle, ed ecco che comincerebbe un selvaggio toto allenatore. Da una parte gli italiani con Donadoni e Di Francesco dall’altra gli stranieri con Sousa e tanti altri. Allora la proprietà si troverebbe di fronte ad una vera e propria rivoluzione da mettere in atto e i 10-12 milioni di euro preventivati da mettere sul mercato non basterebbero minimamente, ecco perché alla fine la permanenza di Montella conviene a tutti.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. abbiamo il presidente piu’ muto del pianeta terra…perfino in burundi rilasciano piu’ interviste!
    ma due parole due non si pole proprio? ti viene la scagarella? ti cade il pisellino assieme alla corona?
    mai fidarsi di chi non mtte mai la faccia.
    PUAH…ricchi fuori, poveretti dentro.

  2. Teniamo Montella e basta!!! Via gli scarti e dentro qualche giovane buono

  3. I 10/12 milioni sono cifre buttate li per i media per non fare levitare il costo delle operazioni in corso, vengono fatti passare per unici, ma io redo che di fronte a delle buone opportunità i Della Valle non si tireranno indietro. Anche perché solo con quelli significherebbe dire addio a Montella e chiunque arrivi al suo posto chiederebbe di più di quanto chieda ora il mister. A meno che la società decida, in attesa degli sviluppi sullo stadio, di far passare un paio di anni in stand-by.

  4. Se Montella rimane 10 12 milioni non credo bastino x fare il salto di qualità…a meno che parta savic(15m.)più tutti gli esuberi che sappiamo(altri 10 12)….ma forse non basta neanche cosi…speriamo bene..forza viola sempre.

  5. A prescindere da chi sarà il prossimo allenatore mettere sul piatto 10 12 milioni x la campagna significa prendere gente al di sotto della mediocrità.

  6. In realtà non credo che con un tecnico alla prima esperienza piu’ importante della carriera o con uno come Donadoni che per un anno ogni giorno perdeva qualche giocatore importante perchè stanco della situazione
    Il cambio gli porterebbe piu’ spese alla proprietà,
    Montella non chiede la luna ma un paio di acquisti mirati si e questi costano,
    3 anni fa la fiorentina ha rifondato senza spendere + di quanto incassato da Nastasic
    Con un profilo alla di francesco accadrebbe cio’ ma invece di giocatori tipo Aquilani, Pizarro e Borja e Gonzalo o savic ex city arriverebbe
    qualche giocatore con meno spessore o comunque con ingaggi decisamente inferiori oltre che cartellini umani

    ma sopratutto se a quel punto cedi Savic e cio’ accadrebbe e riesci a cedere gomez, son gia’ 20 mln in +,
    Inoltre perdi qualche altro tipo Salah oltre i vari svoncolato(pek, aqui),
    Quindi la rivoluzione nn e che costa tanto o sopratutto non ci stanno entrate x un 10 giocatori , solo che il risultato è un incognita e i nomi reali nn saranno certo Darmian, allan o bertolacci.
    Cambiando tecnico comunque abbatti il monte ingaggi che giocatori tipo Savic , Mati , salah oltre a quelli in scadenza potrebbero nn restare e poi esistano giocatori a ogni prezzo, quelli con ingaggi sotto il milione nn constano tantissimi e cio’ puo’ portare ad un 20 mln o + di ingaggio in meno all’anno che già semza Gomez, aqui, mounir son 6 milioni netti in meno

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*