“La Fiorentina finge di avere un obiettivo per cui esistere”

Giancarlo Dotto, giornalista e scrittore, ha scritto un pezzo sulle pagine di Dagospia in cui si è soffermato sulla situazione del campionato italiano: “Avete una barba da grattarvi? Meglio così. Rassegnatevi a tre mesi di nulla. Per fortuna che ogni tanto muore uno come Chuck Berry. Questo è il campionato italiano: un pendolo tra la noia e il tedio. Ucciso in testa dalla ripetizione pornografica del gesto juventino (vinco dunque sono), in coda dalla non meno pornografica ripetizione di Pescara, Crotone e Palermo, aggiungo Empoli (perdo dunque sono). Dodici squadre su venti si svegliano e si svogliano la mattina non avendo un obiettivo per cui esistere. Due fingono di averne uno (Juventus e Fiorentina). Restano Roma e Napoli a battersi per il concetto che vincere in Italia è arrivare secondi, Lazio, Inter, Atalanta e Milan per lo strapuntino in Europa. Punto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Non è un intervista ma è sempre roba da neurodeliri!
    Ancora peggio! Soprattutto se è uno di voi.
    Io non so e mi tengo alla larga da questo Dotto.
    Così almeno si capisce chi è Giancarlo Dotto https://it.wikipedia.org/wiki/Giancarlo_Dotto. Redazione

  2. Dotto la Fiorentina un’obiettivo ce l’ha sul serio, non posso dire altrettanto per te, considerando la depressione viscerrale dei tuoi articoli.

  3. “Fortuna che ogni tanto muore qualcuno?”

    Ma non potete intervistare gente fuori dal neurodeliri?

    SVEGLIA!!!!!
    Peccato non sia un’intervista. Un saluto Redazione

  4. Lo vedo male il Dotto, non vorrei trovarlo impiccato sotto un ponte per disperazione. Magari se le scrive lui le sceneggiature dei campionati italiani questi ultimi vengono meglio. Peccato sia Dotto ma non Dio. Auguri Dotto, e animo, esistono cose peggiori del campionato italiano nella vita.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*