Questo sito contribuisce alla audience di

La Fiorentina ha vinto la scommessa!

Tanto lavoro avrà ancora da svolgere, Norberto Neto, ma la strada è quella giusta, più che giusta. Il portiere brasiliano è cresciuto molto e c’era da aspettarselo. Anche ieri ha messo in luce parate mostruose e provvidenziali contro gli Higuaìn e i Callejòn di turno, e ha fatto guadagnare alla Fiorentina non solo i tre punti ma anche un po di morale in vista della corsa Champions. Neto, questa è la base dalla quale partire. E se queste sono le premesse…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Neto avanti sempre meglio!

  2. Panama io almeno su viviano sono innocente, Neto non lo credevo un fuoriclasse ma un possibile buon portiere (forse si) dicevo che almeno rispetto a viiano era molto + reattivo , anche se viviano al bologna non era malvagio ma lo scorso anno lasciamo perdere,
    su Ilicic mi pareva solo che solo che era stato demolito prima di vederlo in una forma decente e che una mano poteva darla e ora sembra inserito.
    Su neto comunque da un mese o + sembra dare sicurezza anche sulle uscite(questo limite temevo che lo limitasse forse x sempre o quasi invece chiedo scusa bonoilverdicchio, scusa), deve solo contunuare così e prolingare e nn lasciarci come adem anche se ce lo meriteremmo + che con adem, almeno io che ad Adem gli credevo di +

  3. Keo, l’anno scorso guai a chi toccava Viviano. Quest’anno si incensa Ilicic.

  4. Neto non sarà titolare del brasile ai mondiali solo perche il CT non vuole toccare (forse giustamente) la squadra che ha vinto la confederations.
    Da luglio in poi abbiamo il portiere titolare del brasile.

  5. secondo me c’e’ da meravigliarsi di come veniva supportato Viviano, e
    sarei contento anche se rimanesse come e’ ora, senza dire che questa e’ una buona partenza

  6. T’avessero dato fiducia anche la scorsa stagione, ora s’era in Champions.
    Ma sai, prima di tutti “uno di noi”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*