Questo sito contribuisce alla audience di

La Fiorentina saluta un’altra Coppa Italia: ma la vera vittoria deve essere un’altra

Dopo l’eliminazione di ieri sera della prima squadra, anche la Primavera viola è uscita dalla Coppa Italia, se pur in semifinale. Nel doppio confronto ha avuto la meglio la Virtus Entella, capace di vincere per 4-3 al ritorno dopo il 2-2 dell’andata. Un peccato sicuramente per la formazione di Federico Guidi, forte oggi anche dei due neo arrivati, Castrovilli e Scalera; l’uscita dalla competizione però non dovrà far disperare eccessivamente se da qui a breve alcuni dei protagonisti di questa sfida potrà affacciarsi al mondo dei grandi, in maglia viola. Quella naturalmente sarebbe la vera vittoria della Primavera della Fiorentina, aldilà dei trofei portati a casa a livello giovanile. Un luogo comune certo, ma che quest’anno è stato corroborato dai fatti, grazie a Federico Chiesa e agli altri esordienti: se i due su citati, così come i vari Baroni, Diakhaté, Perez, Mlakar, Sottil e compagnia si renderanno abili e arruolabili per Paulo Sousa (o per chi verrà dopo), la sconfitta di oggi sarà presto dimenticata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

18 commenti

  1. Su piccini c’è la recompra e venuti è nostro ma in prestito al benevento (fra l’altro lo sta cercando il Cagliari in questo momento). Mancini è al Perugia e ha fatto solo 7 presenze in B… non so quanto possa essere forte…
    Per fazzi e capezzi la storia è risaputa: per il rinnovo volevano un sacco di soldi quindi hanno monetizzato il più possibile e via… d’altronde come potevano dare 7-800 mila euro l anno a dei ragazzini che non avevano dimostrato nulla! Fazzi quest’anno tra serie A e B ha fatto 2 presenze.. l’unico rimpianto forse è capezzi ma ancora deve dimostrare quanto vale!

  2. Il contabile por el pueblo

    Non contano i successi di squadra a livello giovanile,ma il numero di giocatori che possono accedere al calcio prof.Io credo che più di qno ce la possa fare.Le basi ci sono.

  3. Obiettivamente questa primavera ha come elementi interessanti e futuribili per la prima squadra alcuni 99 (Satalino, Crhzanovski, Valencic, Ranieri) ma soprattutto tanti 98 (Diakhate, Mlakar, Perez, Baroni, Maistro)..per questi ultimi a giugno dovrà finire il percorso nel settore giovanile..domanda spontanea: chi è già pronto per la prima squadra? nessuno… Chi lo può diventare? Difficile dirlo, l impatto col calcio dei grandi sarà un importante cartina di tornasole..bisogna essere pazienti perché non tutti crescono allo stesso modo..

  4. Fracazzo da Velletri

    Cara Redazione ,questa volta non condivido il contenuto dell’articolo ,evidenziare solo l’aspetto della valorizzazione dei giocatori e non anche quello dei risultati non è serio , una volta vincevamo tornei e coppe e valorizzavamo contemporaneamente i giovani ,il settore giovanile era il fiore all’occhiello della societa, già ma una volta eravamo simpatici ,giovani e VINCENTI vero Esposito, Chiarugi etc.
    Comunque sono d’accordo con Roberto Novoli fatelo questo viaggio ne vedrete delle belle con il Sig. Vergine!!

  5. Io vorrei che qualche penna fiorentina iniziasse a fare un viaggio nel mondo giovanile viola. Prendiamo la Primavera. Sapere quanti sono i giocatori che gravitano in questa squadra? Compreso i due baresi e l’argentino comprati ora? Sono 34!! Vogliamo togliere Chiesa Hagi Toledo e Diks che sono della prima squadra O venduti? Ne rimangono 29. E il drammatico sarà trovare qualcuno per la prima squadra. Non disperiamo. Ma se questi non vincono niente con i pari eta sarà difficile. L’ATalanta nel settore giovanile ha come allenatori ex giocatori, magari non erano eccelsi, tipo Bonacina Zanchi, ma gente di campo che conosce il calcio. Alla viola spesso non pagano neppure gli allenatori se non con qualche rimborso spesa. E se i manici non insegnano calcio sarà difficile che qualcuno esca. E L’ATalanta fa esordire due ragazzi del ’99 che da noi farebbero gli allievi, e l’Atalanta fa mercato vendendo Caldara e Gagliardini e noi si regala i nostro gioiello, si fa per dire. Capezzi per 800.000 euro al Crotone che lo rivende al doppio alla Samp. Fazzi, Mancini, Piccini, Venuti. Evidentemente non erano buoni. Peccato che Mancini lo abbia comprato l’Atalanta, Piccini giochi titolare nella Liga e Venuti oltre che in serie B sia anche nazionali. M a Firenze siamo più furbi di tutti…

  6. Ma chi ca*** se ne frega della primavera?… Che tristezza leggere tifosi che anziché fare contestazione a oltranza ad una proprietà che ha messo una PIETRA TOMBALE sulla bacheca da 15 lunghissimi anni digita post sulla primavera ….Siete provinciali come i tifosi del Empoli e DV lo sa ed è per questo che si crogola sapendo che per la platea Viola basta una dignitosa sopravvivenza… Che avvilente tristezza!

  7. Oggi ero a chiavari e ho visto la partita difesa da incubo sono veramente scarsi questi non giocherebbero nemmeno in serie d centrocampo ridicolo insopportabile vedere diakite o come si chiama lento è indisponente attacco nullo. Secondo tempo con qualche cambio la Fiorentina è entrata in partita ma era troppo tardi . Ragazzi qui c’è poco specialmente in difesa sono senza le basi del calcio giocatori per me raccomandati una pena .

  8. Tifolamagliaviola

    A quell’eta’ non si puo’ sapere quello che ti prepara il futuro. Ci vuole cervello, fortuna e qualcuno che ti consigli saggiamente, altrimenti al massimo fai la Lega Pro e ancora. Questi giovani, aspiranti calciatori o meno, vivono in un pantano creato dai social media, che fanno solo danni, la televisione, e l’ambiente estremamente materialista, dove il successo si conta per la “roba” che hai … Nessuno ormai ha piu’ il senso del valore intrinseco della vita, si vive solo per consumare …. Quella viola e’ una bella squadra Primavera, se son rose fioriranno in un modo o nell’altro

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*