La Fiorentina si interroga su Sousa

Sousa con il collaboratore Sem Moioli. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Il primo nemico di Paulo Sousa in questo momento è la classifica. C’è un quattordicesimo posto attuale che non piace ai tifosi viola, tanto meno alla società, anche se c’è il tentativo di fare quadrato. Tuttosport ricorda oggi le tante piccole incomprensioni che si sono generate tra il tecnico e la dirigenza in passato, specialmente dopo il mercato invernale di quest’anno. Questo è il momento delle riflessioni, sia per il tecnico alla ricerca di soluzioni per cambiare la squadra e trovare più agevolmente la via del gol, sia per la società che si aspetta risposte immediate sul campo ora che sta per arrivare un calendario, sulla carta, che permette una risalita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

9 commenti

  1. Questa società è troppo perbenista e lascia troppa libertà ai dipendenti. Bisogna essere pressanti e far capire che conta solo vincere. Basta equivoci e incomprensioni. Ripartire ma sousa capisca che è giusto che la società si guardi intorno perché non si può continuare così. Quindi o reagisce o dovranno intervenire. I giocatori pensino al campo e a dare il massimo.

  2. Bene la società si interroga su Sousa e chi si interroga sulla società

  3. Gli schemi di Sousa non funzionano più con questi giocatori!
    Bisogna adeguarsi e trovare soluzioni diverse.

  4. La proprietà che negli ultimi anni ha venduto i giocatori più importanti..non ha rinnovato nei tempi giusti i contratti a giocatori base..allenatore che è più testardo di un mulo con le sue scelte di moduli e di formazione…prevedo ottimisticamente un campionato da 12_13 posto se tutto va bene..forza viola

  5. Ma c’è un confronto società-tecnico? Corvino chiede a Sousa informazioni su quello che fa? La campagna acquisti è stata fatta seguendo le direttive del tecnico soprattutto sul modulo di gioco? E’ inutile chiedere la difesa a 4 se non abbiamo un terzino destro degno di questo ruolo. E’ inutile far giocare Tello il quella posizione (ma devono farlo giocare per non pagare la penale…), non serve avere il patentino UEFA per capire che dobbiamo giocare con 2 attaccanti o giocare con un centravanti ma assieme a due ali VERE che saltano l’uomo e sanno crossare. Ho l’impressione che Sousa e la società tirino a campare fino a che non scoppia qualcosa. E noi continueremo a mangiarsi il fegato….

  6. No.siamo noi che ci interroghiamo sulla proprietà della fiorentina.coss vogliono fare da grande.prima si interroghino su se stessi e poi su Sousa

  7. La Società si deve interrogare di continuo su cosa vuole fare da grande. Senza investimenti il famoso loro programma diventa soltanto ” vivacchiare” e una classifica che va dal 6° al 14° posto corrisponde esattamente a vivacchiare, un pò meglio o un pò peggio. Per cui lor signori hanno poco da imputare a chicchessia se non a loro stessi ed al loro essere ” diversamente munifici”.
    Poi anche Sousa dovrà fare qualche riflessione ed attuare qualche cambiamento e, siccome per me è una persona intelligente, troverà le soluzioni che crede migliori, ma, come ho già detto, anche cambiando modulo Milic non diventa Maldini, Tomovic non diventa Djalma Santos e Kalinic non diventa Higuain.

  8. Sousa deve affiancare bernardeschi a kalinic finchè ilicic è in queste condizioni,inoltre tello non deve giocare con le spalle alla porta avversaria.

  9. Michele da Milano

    Poteva interrogarsi prima. Tipo questa estate e avremmo evitato tanti problemi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*