Questo sito contribuisce alla audience di

La fortuna della gare infrasettimanali

MontellaGrasshopperRiprendersi da una sconfitta come quella di ieri pomeriggio è sicuramente dura, molto dura. Poche le attenuanti per una partita che anche definire “mal giocata” sarebbe dire una bugia in quanto la partita, la Fiorentina, non l’ha giocata per niente. Un vero peccato perché l’occasione di mettere pressione al Napoli, impegnato questo pomeriggio a Bergamo, era ghiotta. In questi casi allora non c’è che rimuovere forzatamente dalla memoria le brutte immagini del Sant’Elia (dalla gara allo stadio stesso) e pensare al prossimo impegno. Che fortuna vuole  arriva quasi subito: martedì sera, a Udine, c’è da portarsi avanti col lavoro per quanto riguarda la Coppa Italia, mai così in discesa nella storia recente della Fiorentina. Chiaro che dovrà essere una viola totalmente diversa dalla versione sarda ma sicuramente l’impegno ravvicinato permette agli uomini di Montella di non pensare troppo a Cagliari per concentrarsi da subito sull’Udinese. Nel grigio e nell’oscuro che resta dopo la gara contro i rossoblu, un piccolo, futile pretesto a cui attaccarsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

17 commenti

  1. Oddio tocchiamoci. Questa sfida andata-ritorno è davvero un obbiettivo da non farci sfuggire. X Redazione per piacere scrivete qualcosa su Gomez, io ho avuto tanta pazienza ma davvero abbiamo bisogno di lui e in un momento difficile come questo avere solo incertezze sl suo stato è davvero snervante. Ti prego Mario torna presto!!!!

  2. Ora ripartire, guai abbattersi! Siamo una grande squadra e come tale bisogna guardare avanti! pensiamo ad udine! vincere x passare il turno! Non esiste un risultato diverso dalla vittoria!

  3. Purtroppo sì, Ilicic è stata una bidonata clamorosa. Ed io ne faccio ammenda, dal momento che credevo l’opposto. E’ un pavido. O uno svogliato. O tutt’e due.
    Ma il problema ovviamente non è solo lui. I meglio sono fuori è vero, chi per un motivo e chi per un altro. Ma possibile non fare quasi un tiro in porta in 90′ col Cagliari? Questo è il punto. E smettiamola allora di coccolare le mezze calzette: una è Mati Fernandez. Joaquin dice poco.

  4. E’ chiaro che la Fiorentina vista ieri non è la Fiorentina che conosciamo.Ora dobbiamo essere concentrati x la partita di Udine. Occorrerà la migliore formazione,carica e grintosa, basta Montella x favore con gli esperimenti e le preziosità, domani dobbiamo vincere. I giocatori li abbiamo e x favore basta con Ilicic perchè se lo metti ancora in campo allora dobbiamo chiedere le tue dimissioni. Diciamolo con chiarezza è un’altro acquisto sbagliato, mi ricorda tanto Felipe!

  5. Tony 47 hai perfettamente ragione…..se fosse stato Mati al posto di Sau non l’avrebbero mai dato il rigore (perché sanno benissimo che se noi andiamo in vantaggio….difficilmente una squadra riesce a riprenderci….soprattutto questo Cagliari)…ma con chi te la voi prendere??…Sono solo dei mascalzoni…..ma come si permettono a dare a Montella del “lamentino” quando sono 2 anni che ci fregano!!!!…..SFV!!!

  6. Io per esempio, voglio dire una cosa fuori dal coro: certo che a noi non capita un arbitro che su di un fallo del genere ci passa sopra calcolando che il giocatore del Cagliari appena ha sentito il contatto è stramazzato a terra e che stava uscendo dall’area che insomma non è che era un rigore di quelli con la R maiuscola, anche se avendolo dato non ha di certo sbagliato, perché Roncaglia ogni tanto cade in queste ingenuità dato che l’azione non era allarmante.comunque sono contro i disfattisti.

  7. Bravo alin ed ece..sempre obiettivi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*