Questo sito contribuisce alla audience di

La gestione dei contratti? Non ci siamo proprio!

AquilaniGenoa3A distanza di un mese circa dalla sua pubblicazione, riproponiamo un articolo che abbiamo scritto per parlare della gestione dei rinnovi contrattuali. Tema questo più che mai d’attualità dopo che Andrea Della Valle ha fatto emergere il ‘caso Neto’.
Un solo, grande risultato è stato ottenuto finora per quel che riguarda la questione del rinnovo dei contratti. Ci riferiamo ovviamente al prolungamento dell’accordo con Cuadrado che tra l’altro non era neanche uno di quelli in scadenza. Con gli altri sono stati commessi molti errori. Il primo in ordine di tempo è stato quello con Aquilani. La Fiorentina, che aveva appena rinnovato con Borja Valero e Gonzalo, ritoccando nettamente verso l’alto il loro ingaggio, è poi andata dal centrocampista proponendogli una decurtazione abbastanza significativa del salario. Sicuramente Aquilani avrà pensato che lo stessero prendendo in giro, perché se i soldi non c’erano perché agli altri erano stati offerti significativi aumenti? Ed ecco che sono passati mesi senza che le parti si siano realmente avvicinate.
Poi la faccenda Neto. Bastava pensarci a fine campionato scorso, quando era chiaro il fatto che il portiere sarebbe stato titolare anche in questa stagione e la crescita era già in una fase avanzata. Adesso, forte anche del pressing del Liverpool e della Roma, l’estremo difensore è chiaro che spari una cifra importante (che qualcuno non si provi a parlare di riconoscenza tanto nel calcio moderno questa è una parola pressoché sconosciuta). Se per Pasqual, la clausola dovrebbe tutelare la Fiorentina, ci sono anche Pizarro e Vargas da monitorare, ma poco tempo per agire. Dal 1 febbraio tutti saranno ‘free agent’ in grado di trattare con qualunque squadra a qualunque cifra e la società viola potrebbe uscirne fortemente penalizzata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

52 commenti

  1. Dilettanti.

  2. Ma se Neto avesse rifiutato i vari contratti offerti dalla Fiorentina?!? anche dallo scorso anno?!? Forse la colpa non sta da una sola parte, come spesso succede infatti!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*