La goleada che non ti aspetti. Ecco il “segreto”

Babacar Verona

Come scrive stamani La Gazzetta dello Sport, la Fiorentina aveva segnato così tanto solamente nelle amichevoli di Moena, poi ha stentato e non poco a trovare la via del gol. Contro il Qarabag i viola hanno finito in goleada con 5 gol realizzati e tutti dagli attaccanti, anche questa una piacevole novità. Come mai la Fiorentina si è ritrovata? Secondo la rosea, e non solo, è una questione di modulo, con le due punte i viola sono più incisivi e dunque riescono a trovare più facilmente la via del gol. Sousa aveva pensato a questo modulo già a Moena poi però lo aveva accantonato per continuare a puntare su quello collaudato. Ieri Kalinic e Babacar hanno dimostrato di sapersi completare perfettamente in campo e ora questa soluzione diventa davvero un’arma in più per la Fiorentina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. penso anch’io che con 2 punte sia meglio soprattutto se cresce Kaliniic

  2. Kalinic e baba possono giocare insieme e ieri si sono cercati e trovati molto bene. Con due punte è meglio.

  3. Lucav, anch’io penso che con l’espulzione siamo stati senz’altro avvantaggiati, però pur non essendoci la controprova penso che la partita l’avremmo vinta ugualmente magari non con largo punteggio, perchè passati i 15-20 minuti già la Viola aveva preso il pallino in mano, a me che abbiamo giocato in superiorità numerica mi è quasi dispiaciuto tra virgolette, avrei preferito vincere 11 contro 11 però speriamo che avranno così speso meno energie pensando a domenica prossima.

  4. E naturalmente la conferma di Salcedo

  5. Il segreto è stata l’espulsione dell’avversario sul tocco di mano.
    Fintanto che c’è stata parità numerica, una viola da brividi sia in fase difensiva che d’impostazione. Il Quarabag poteva aver benissimo segnato un paio di goal e puntualmente tutti a celebrare una grande prestazione.
    Le uniche note positive a mio avviso, oltre all’iniezione d’entusiasmo che una vittoria in Europa porta sempre in dote, sono la scoperta d’un Cristoforo, unico giocatore in grado di velocizzare il gioco e verticalizzare, il ritrovamento d’un commovente Zarate e la conferma che l’unico attacco efficace è quello con due punte.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*