Questo sito contribuisce alla audience di

La malinconica tristezza di Paulo Sousa. I fiorentini gli hanno voltato le spalle

L'allenatore Paulo Sousa. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Quello di questa stagione è evidentemente un Paulo Sousa diametralmente diverso rispetto a quello che aveva conquistato tutti giusto un anno fa. Il tecnico portoghese, come sottolinea La Nazione, manifesta quel velo di tristezza anche in conferenza stampa, perché non gli piace perdere ma soprattutto sente che ormai i fiorentini gli hanno voltato le spalle. Sarà una lunga stagione questa per la Fiorentina, con un clima da fine ciclo che serpeggia in tutte le componenti della squadra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

38 commenti

  1. Bibi è una tesi che non regge. Questo predirebbe che i Dv o altri abbiano promesso a Sousa una rosa per vincere lo scudetto o qualcosa di simile. Quando ha firmato il contratto non credo che gli abbiamo richiesto più di quanto è riuscito ad ottenere il primo anno. Se lui ha cambiato obiettivo e vuole va vincere qualcosa di più di quanro richiesto ( questa sarebbe la solita storia dei vari Montella e Prandelli) doveva dirlo esplicitamente e non lasciare sospetti. E poi non mi sembra il tipo. Comunque siamo sotto attacco dai potenti che faranno di tutto per ridimensionarci.A Firenze si vende pochissime copie della Gazzetta, pochi abbonamenti a Sky e a Mediaset e vogliamo la nostra fetta dei ricavi del calcio e questo non è accettabile per loro. Ho semplificato tantissimo, ma la sostanza è questa. Purtroppo.

  2. Maurizio di Firenze Leccavalle a Zero cervello come Zero Titoli è la bacheca VIOLA con gli indegni ciabattini marchigiani

  3. Maurizio FIRENZE

    tu invece mi ricordi quel talentuoso della bocciofila di Re leone… chissà come mai. Fatevi un favore… EMIGRATE, l’agricoltura è il vostro presente.

  4. Maurizio FIRENZE

    hai buone possibilita di battere perfino Cisko continua cosi…FULMINATO

  5. Maurizio FIRENZE

    Se ti inventi le parole della gente è colpa mia. Guarda facciamo cosi, tagliamo la testa al toro, diciamo che sei tu che non capisci una s..a. Questo dovrebbe essere comprensibile anche per te. SFV

  6. Maurizio FIRENZE

    dario piu rispondi e piu ti intorcigli sempre diu piu…sempre piu fulminato

  7. Il tifo va dove vanno i risultati, è sempre stato così, c’è troppa gente a Firenze, che scrive sui giornali e fa opinione, che si crede padrona di questa società, e che in nome della libertà di espressione fa campagne gratuite di sabotaggio. Spesso consapevole, altre volte inconsapevole. Ma comunque irresponsabile. Non sono tantissimi ma sono abbastanza. Bisognerebbe metterli in riga e trattarli come meritano ma ci vorrebbe qualcuno in società che se ne occupi, Corvino lo fa troppo parzialmente. Si mette in giro di tutto a Firenze, di tutto, a Spalletti nessuno gliel’ha detto che l’ha fatto apposta a mettere il giovane brasiliano con la Juve perchè voleva perdere per fare un dispetto agli americani, nessuno lo ha detto. Succedono solo a Firenze certe cose, neanche a Roma accadono, è tutto dire… Il male di Roma e il male di Firenze è l’ambiente para-calcistico e i suoi protagonisti. La loro gita libertaria dovrebbe finire, di Roma me ne frego, ma a Firenze dovrebbe finire. Bisogna far sentire la voce del vero padrone della società, di chi ha responsabilità. Solo Lo Monaco può mettere in riga certi personaggi. A Firenze ci vuole il braccio duro, e la messa in riga, con nomi e cognomi, monitoraggio costante di certi soggetti.

  8. Maurizio FIRENZE

    a parte il fatto che queste sono parole tue e non certo mie ma secondo te a che serve sputare in faccia ai giocatori e all’allenatore in questo momento ? Spiegacelo fenomeno, illumina la piazza con una tua perla. Ti ricordo che è vero il contrario di quello che tu dici. Di solito quando la squadra perde è SEMPRE colpa dell’allenatore oltre che dei giocatori. Quello che però non torna è che se un allenatore vince è un signore allenatore, se perde è un cogl…ne. Questo vale per tutte le tifoserie purtroppo. Se non lo sapevi adesso lo sai.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*