Questo sito contribuisce alla audience di

La mediocrità non fa parte di Firenze, ma alla Fiorentina servono dei leader

Il rischio adesso è di abituarsi alla mediocrità. Di pensare che, in fondo, dopo tre vittorie consecutive una sconfitta con il Crotone ci può anche stare. E che perdere quattromila spettatori a partita è fisiologico perché i nuovi progetti hanno bisogno di tempo per essere capiti e metabolizzati. Oppure, peggio ancora, di confondere l’ambizione con la presunzione. La Fiorentina non può essere il diminutivo di se stessa. Non lo è mai stata, neppure nei momenti più difficili. La mediocrità non è fatta per questa città, sempre e comunque oltre. Specialmente nel calcio, dove l’orgoglio molto spesso ha appiattito le differenze. Come evidenzia La Repubblica, mancano i leader. Giocatori che sappiano scuotere il gruppo quando cala la tensione. Uomini che abbiano un peso, in campo e fuori, e che facciano sentire la loro personalità. Una “mancanza” che probabilmente ha anche Pioli. Per carattere il tecnico è uno dai toni pacati, ma non serve alzare la voce per motivare un gruppo. Come non basta attaccare al centro sportivo, o in palestra, le frasi di personaggi famosi perché siano da stimolo ai giocatori. Sarebbe troppo facile. C’è bisogno di altro, ed è proprio su questo “altro” che deve lavorare la Fiorentina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*