La missione del tiro da fuori

Uno dei difetti principali della sua Fiorentina, Paulo Sousa l’ha sottolineato nel post gara con il Lech Poznan: l’allergia al tiro da fuori. Di fatto in rosa non sono presenti grossi specialisti della lunga gittata, se si tolgono Ilicic e Vecino, che in Europa ha propiziato il gol di Bernardeschi a Lisbona e stava per ripetersi anche contro i polacchi. L’indicazione tuttavia è valida soprattutto in occasione di match contro avversari particolarmente restii alla proposizione: il tiro da fuori infatti può scardinare difese chiuse a riccio e mettere in discesa la partita. Non sarà il caso di oggi perché la Roma non sta certo a guardare gli altri che giocano ma anche contro avversari blasonati il suggerimento può avere la stessa valenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA