Questo sito contribuisce alla audience di

Fiorentina, vogliamo dare una mano a Gomez?

L’edizione odierna de La Nazione dedica ampio spazio alla prestazione dell’attaccante tedesco Mario Gomez contro la Juventus. Secondo quanto riportato dal quotidiano sportivo, l’ex Bayern Monaco è stato più decisivo in fase difensiva, come nel caso di un salvataggio decisivo su Llorente, che in fase offensiva. Gomez, però, avrebbe dalla sua parte alcune attenuanti: le poche palle giocabili e la predilezione del compagno di reparto Cuadrado per l’azione personale. In sostanza la squadra viola non sembra lavorare al meglio per esaltare le qualità dell’attaccante tedesco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

19 commenti

  1. Giusto l articolo…il vero “problema” di Mario è un compagno d attacco che pensa solamente alle azioni personali perdendo palla il 90% delle volte..è una cosa ovvia che un giocatore del suo tipo ha bisogno di ASSIST A VOLONTÀ CRISTO! Ha bisogno di un Marin, i un rossi…no di solisti…I incazzati con Mario come se si pretendere che prenda palla alla messi o alla Ronaldo e vada in porta palla al piede….vi do una notizia se forse no l avete capito….È UN CENTRAVANTI VECCHIO STAMPO DIO CRISTO! SENZA PALLE BUONE IN AREA NON CI SÌ PUÒ INCALZARE CON LUI VIA…volevo vedere un toni dei bei tempi senza un mutu o un vargas intorno…si sarebbe crocifisso anche il grande Luca….
    forza Mario, e vedrai che col Cesena avrai sicuramente Marin intorno e son sicuro che farai capire di cosa tu chai bisogno…
    SFV

  2. RAGAZZI PENSO ORMAI CHE LA PAZIENZA COL TEDESCO STIA PER FINIRE LENTO LEGNOSO NON DIFENDE UN PALLONE PER FAR SALIRE LA SQUADRA,INSOMMA PIù LO VEDO E PIù MI SEMBRA BONAZZOLI

  3. cuadrado da una parte e yoaquin dall’altra , larghi sulle fasce per CERCARE CON I LORO DRIBBLING di arrivare a crossare da fondo campo, MATI FERNANDEZ DIETRO DI LUI IN UN 3-4-3 E CREDO CHE GOMEZ SI STANCHI DI FARE GOL

  4. L’ho detto e lo ridico : Cuadrado non DEVE giocare seconda punta ma deve giocare esterno, com’è nella sua natura e, se si vuole cercare di tirar fuori il meglio di Gomez, si deve mettere Marin accanto a lui. Ma Montella sembra avere una predilezione a mettere i giocatori fuori ruolo come Tomovic terzino, Aquilani regista, Cuadrado seconda punta, Alonso esterno di centrocampo e Kurtic esterno destro. Con tutto ciò nutro dei dubbi che Gomez sia funzionale al gioco della Fiorentina.

  5. Diamogli una mano si……………………….a cercare un altra squadra.

  6. Quale sarebbe il gioco di montella? tenere palla fino alla morte?

  7. Anche secondo il mio modesto avviso,l’unica possibilità di testarne le effettive qualità è mettergli accanto Marin,se poi non va neppure così……..Comunque è chiaro come il sole che non è stato scelto da Montella,(che di fronte alla necessità di abbonamenti e la fama pregressa ha dovuto tacere)e quello non lo smuovi,vedere Joaquin e la fissa su Ilicic (ma dove vorrebbe lui!)…In conclusione,salvo improbabili ripensamenti,Gomez non è giocatore da Fiorentina di Montella,e già si sapeva…amen!

  8. segue… mentre Gomez nel frattempo sarà andato altrove. Lui non sta contribuendo alla crescita della squadra perchè è inadatto al gioco voluto da Montella. Credo che questo sia un concetto diffuso e peraltro di facile riscontro e di semplice intuizione, già da prima che lo vedessimo all’opera con addosso la maglia viola. Capisco che si voglia tutelare l’investimento, ma il rischio è l’ulteriore svalutazione del capitale e anche del restante organico.

  9. Da qui al mercato provare TUTTE le soluzioni per valutarlo al meglio. Poi prendere la decisione conseguente…
    Solo gli stupidi non si ravvedono e s’illudono guardando al passato, mentre il sentimento ora dominante è la delusione. Ci sono state delle attenuanti, ma la pazienza, la comprensione, la tolleranza ed il buonismo non possono durare all’infinito. Alla Fiorentina i risultati servono ora, perchè senza di quelli c’è il rischio ridimensionamento, che resterà a noi….. continua,

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*