La nuova coperta viola

Esistono dei presupposti all’interno di una società di calcio a cui non si può sfuggire, sono alla base di un progetto di lavoro, di una ricerca di obiettivi, di una crescita esponenziale, di un ottenimento di risultati. Il rispetto dei ruoli, le responsabilità specifiche delle cariche assegnate, figure differenti in settori svariati all’interno di un club, che abbiano la possibilità e la libertà di esercitare il proprio potere attraverso il lavoro quotidiano, indisturbati e rispettati nelle loro mansioni e nella loro operatività. In questi ultimi anni la Fiorentina ha sofferto molto questi aspetti, ci sono state invasioni di campo errate e irresponsabili, dirigenti capaci e competenti accantonati e delegittimati, con le scontate e disgraziate conseguenze ricadute sulla squadra, sul mercato, sull’immagine della società, sulla gestione generale di un club di così alto profilo come la Fiorentina. Ne hanno sofferto tantissimo pure gli allenatori, veniva a mancare loro il naturale riferimento dirigenziale sportivo, il direttore di campo e di scrivania, l’uomo a cui affidarsi e con cui confrontarsi, il vero compagno di vita quotidiana di ogni tecnico calcistico al mondo. Oggi si è pensato bene di correggere il tiro, e di restituire alla Fiorentina una nuova struttura organizzativa, più snella, più lineare, più specifica, più solare, più CALCISTICA.

Clicca qui per leggere il pensiero di Bernardo Brovarone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. ERA ORA! E speriamo che duri… con qualche STORICO inserimento nei quadri. Sarebbe un bene per tutti.

  2. Fracazzo da Velletri

    Gentile Brovarone lei scrive “la fiorentina ha sofferto in questi anni questi aspetti. …..”
    Mi può dire di chi è la responsabilità di queste sofferenze??chi ha sbagliato?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*