La palla passa a Sousa: ora è anche lui sotto esame con gli altri

Paulo Sousa 2016 3

Una sosta che arriva forse come una manna per la Fiorentina e per Paulo Sousa, che in queste due settimane cercherà qualche alternativa al gioco scontato e prevedibile ammirato finora: la sua squadra non riesce più ad essere quella brillante dell’inizio della scorsa stagione ma nemmeno ci va vicino e rischia, continuando così, di avvitarsi sempre più su sé stessa. La scarsa precisione nell’ultimo passaggio è innegabile ma è anche vero che sei nei pressi dell’area di rigore, con un buon numero di effettivi, la Fiorentina ci arriva due-tre volte a partita è anche difficile pretendere di sfruttare al massimo il poco creato. Di segnali al portoghese ne sono arrivati ed il tempo non gli manca: sta a lui, a prescindere da tutte le questioni legate al mercato (e ormai inutili) trovare il bandolo della matassa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

9 commenti

  1. L unico disegno che vedo è che uno non si dimette per non rimetterci soldi e gli altri non lo sollevano per lo stesso motivo. Non so quando gli scade il contratto ma fino ad allora ce lo ciucciamo temo…triste eh..

  2. Questa squadra non è costruita per difendere ma per mantenere il pallino del gioco..alcuni giocatori chiave non sono al top ma questo può succedere..e non si possono snaturare i giocatori. Quello che non va bene secondo me è la mancata volontà di operare alcune modifiche che sarebbero nelle nostre corde..Kalinic è troppo solo in attacco e se ilicic e borja non girano questa squadra diventa piatta..non comprendo questo mancato coraggio da parte di sousa che ho visto a torino..dico solo questo..se non hai gli uomini al top per fare il tuo gioco devi cambiare registro..non saranno pronti ma è un rischio che devi correre piuttosto che incaponirti col solito sistema..non vedo questa elasticità mentale nel mister e forse è la prima volta che trovo un motivo per criticarlo.

  3. La sosta sarebbe propizia per cambiare allenatore e consentire al nuovo di lavorare con la squadra per 2 settimane.
    Sousa è manifestamente in confusione e trasmette insicurezza ai giocatori, costretti a cambiamenti tattici ad ogni partita.
    Al netto degli infortuni, bisogna avere alcuni punti fermi e dare spazio ai giocatori più motivati
    In difesa pare evidente che gonzalo, astori e salcedo debbano essere i titolari
    A centrocampo sanchez è diventato indispensabile e al suo fianco serve un centrocampista di contenimento e uno più offensivo (si potrebbe anche valutare berna in quel ruolo)
    Davanti al momento baba è il più in forma e deve giocare, per le ragioni opposte ilicic si deve accomodare in panchina ed essere magari utilizzato in coppa
    Io giocherei con il 352: gonzalo-astori-salcedo/chiesa (berna)- sanchez- badelj (cristoforo)- berna (borja o vecino)- milic (olivera)/ kalinic-baba

  4. …spero la fiorentina continui con questi risultati in modo che sousa nn arrivi a mangiarsi il panettone..prenderei Pioli..altri al momento non mi vengono in mente. Forza Corvo salvaci dal portoghese!

  5. A questo punto o Sousa cambia modulo o va cambiato allenatore…..Così non si può andare avanti.Poco gioco,poca cattiveria agonistica,pochi tiri in porta ………..

  6. Concordo con Uccellino. Due attaccanti ci vogliono come il pane, altrimenti se Pualo Sousa insiste a far giocare in attacco il solo Kalinic siamo bell’e spacciati. Ci dovremo abituare a lottare con le squadre che fanno campionato a sé per non retrocedere. Paulo Sousa deve convincersi che le sconfitte e il pareggio con l’Udinese sono conseguenza delle sue scellerate scelte. Ieri contro il Torino mi sono vergognato di essere un tifoso della Viola, perchè mi è sembrato di tornare ai tempi in cui la squadra era allenata da Delio Rossi. Mai così male la Viola si era espressa negli ultimi cinque-sei anni. E mi sono incazzato a fine partita quando Paulo Sousa ha dichiarato che per lui gli attuali otto punti sono un bilancio positivo. E allora ho pensato: questo allenatore è da ricoverare in manicomio. Ma il signor Corvino che ci sta a fare? Non dovrebbe essere lui a interpretare il sentimento di cocente delusione della stragrande maggioranza dei tifosi Viola e far capire a Paulo Sousa che deve far giocare la squadra per vincere le partite e non per perderle con le sue formazioni sgangherate e con i suoi moduli di gioco improponibili?

  7. Sosa ci hai stuffato, se sei soddisfatto della gara di ieri non fai per noi: ti accontenti troppo: tu non giochi e non ci metti la rabbia per vincere, ma inizi la partita come se l’obiettivo fosse PAREGGIARE, Basta Basta, insisti su giocatori che o sono fannulloni o sono incapaci; Tatarusanu (inguardabile da INFARTO CON LA PALLA AI PIEDI), tOMOVIC, TUTTE LE PARTITE DA INSUFUCIEBTE DA QUATTRO ANNI. E’ TROPPO LENTO PER FARE IL DIFENSORE, BADELI SA CONTRASTARE MA NON SA IMPOSTARE ED è LENTO, BORIA è TECNICO MA LENTO E PREVEDIBILE, VECINO, BADELJ E BORJA: NESSUNO SA TIRARE IN PORTA, TELLO NON DIFENDE E NON ATTACCA, ILLIC SEMBRA SIA COSTRETTO A GIOCARE E’ TECNICO MA LENTISSIMO, BERNARDESCHI AD OGNI AZIONE MI DOMANDO DOVE VUOLE ARRIVARE.ssOUSA: CHE CI STATI A FARE?

  8. Non capisco ancora – ed è alla guida della Viola da due anni – che tipo di allenatore è questo Paulo Sousa. Anche i giornalisti non aiutano a far capire che tipo di allenatore è perchè, analizzando il momento no della Viola, da un lato dicono che se non gioca bene e non segna la colpa è dell’allenatore e dall’altro spiegano che il calciomercato condotto da Corvino non sia stato soddisfacente per Paulo Sousa che, immaginando altri acquisti, aveva disegnato un modulo che ora, non disponendo dei suoi prescelti, fatica a far realizzare agli uomini che la società gli ha messo a disposizione. Personalmente penso che è l’allenatore che deve adattarsi agli uomini che la società gli mette a disposizione e non il contrario. Non può il mister metterci tutto questo tempo per inculcare ai suoi giocatori come svolgere il proprio ruolo in questo modulo made-Sousa. E se quelli non si vogliono adattare perchè hanno difficoltà nell’interpretare quanto viene chiesto a loro deve essere l’allenatore a inventarsi qualcos’altro. Ma a prescindere dai moduli perchè Sousa non schiera due attaccanti e non i solo Kalinic peraltro in condizioni fisiche disastrose? Qualunque allenatore del mondo non aspetta la settima giornata del campionato per capire che la sua formazione non va e che il povero Kalinic è ormai incapace di fare gol, al punto che ieri contro il Toro per tre volte è stato messo in condizione di segnare e che per proprio demerito ha sistematicamente fatto cilecca.

  9. Paulo Sousa ha un solo difetto: preferire il bel gioco al furore agonistico. Ora fare bel gioco contro avversari che fanno del pressing e del fallo sistematico il loro credo è una cosa quasi impossibile per cui se continua su questa falsariga perderemo ancora un sacco di partite contro avversari tecnicamente anche più deboli. Secondo il mio modesto parere occorrerebbe passare al 4 3 3 con un centrocampo formato da Sanchez Bernardeschi e Cristoforo e in avanti con Chiesa Kalinic e Babacar. Forza viola

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*