Questo sito contribuisce alla audience di

Aquilani fa ancora centro. Montolivo lascia i suoi in inferiorità numerica

Alberto Aquilani, come detto poc’anzi, è subentrato al 70esimo minuto al posto di De Rossi. Mai nel vivo del gioco, si è reso pericoloso al minuto 84 con una potente conclusione centrale dalla distanza (dai 25 metri), senza però impensierire troppo il portiere uruguaiano Muslera. Per il resto, ordinaria amministrazione ma mai al centro dell’azione. E’ subentrato pochi secondi prima del momentaneo vantaggio degli azzurri firmato Diamanti, poi seguito dal pareggio, sempre su punizione, da parte di Cavani. Proprio quando la dose di stanchezza generale tra gli azzurri era già marcata. Durante i supplementari stesso discorso, ovvero col numero dieci viola che svolge l’ordinaria amministrazione senza mai brillare, neanche dopo l’espulsione di Montolivo per doppia ammonizione. Ai calci di rigore, il primo gol, in ordine, per gli azzurri, l’ha realizzato proprio Aquilani. L’Italia vince ai rigori e ottiene il terzo posto alla Confederation Cup.

© RIPRODUZIONE RISERVATA