La pazienza di Zarate

Ancora zero minuti giocati in stagione, in due partite e mezzo tra campionato ed Europa League: a Genova, chissà, senza il maltempo forse avrebbe avuto un po’ di spazio a disposizione. Invece ancora di Mauro Zarate in campo non c’è stato traccia, nonostante un ritiro estivo di tutto rispetto ed una vitalità piuttosto sui generis rispetto al resto della squadra, spesso eccessivamente compassata. Dell’imprevedibilità dell’argentino ci sarà bisogno probabilmente nel turno infrasettimanale, a Udine, dove tra l’altro Zarate segnò l’anno scorso il gol del momentaneo 1-1,a ma forse anche già stasera. In attesa di saperne di più sulle sorti della moglie, la pazienza è decisamente la dote più utile in questo momento al numero sette viola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. L’unico che tira in porta non gioca mai.

  2. onora il padre

    Tranquillo Mauro, siamo solo alla 4′.

  3. Zarate penso non ci sia giustamente con la testa dato quello che è accaduto alla miglio bisogna lasciarlo tranquillo

  4. Cisko, capisco ciò che intendevi dire, ma dire che siamo noi quelli sfortunati, viste le circostanze, mi sembra inopportuno …

  5. Zarate, anche per i guai familiari accaduti non regge ancora i novanta minuti, ma a gara in corso può essere In ogni caso, forza Mauro vedrai tutto si risolverà per il meglio!

  6. Deve cercare di concentrarsi il più possibile sul campo. Forza mauro!!

  7. Beh, non mi pare il caso di fare pressioni su Zarate in questa fase.
    Ha anche perso un po di forma fisica per via dei viaggi in Argentina.
    Lasciamolo recuperare.
    In ritiro è stato uno dei migliori.
    Purtroppo però siamo sempre sfortunati.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*