LA PROTESTA CHE NON PIACE A NESSUNO

Lungi da noi entrare dentro le dinamiche ultras, un esercizio in cui non ci addentriamo minimamente. Prendiamo atto però di un fatto: la protesta che metteranno in scena i tifosi della Fiorentina che stasera si recheranno all’Olimpico, piace a pochi, per non dire nessuno (loro esclusi ovviamente).

Da quando è uscito il comunicato del Gruppo 1926, quello principale attualmente della Curva Fiesole, e ci riferiamo a sabato scorso, moltissimi sono stati i commenti di disapprovazione. A tanti non piace il fatto che si lasci senza sostegno, sia pur per mezz’ora e non certo per l’intera partita, la Fiorentina nel corso di un match molto importante. A tantissimi invece non va proprio giù il fatto che si solidarizzi con la battaglia di una tifoseria, quella giallorossa, che tutt’altro simpatica e ben vista da queste parti (e andiamo piano con gli aggettivi).

Ma non solo. Questa protesta non piace neanche sull’altro fronte. Basta farsi un giro nei social e sul web, sponda romanista, e vi accorgerete di quante offese sono arrivate all’indirizzo degli esponenti della Fiesole e ai tifosi della Fiorentina in generale.

Insomma, quella che doveva essere una manifestazione per compattare il complicato mondo del tifo italiano verso un determinato obiettivo (togliere tante restrizioni all’accesso allo stadio), rischia di tramutarsi in un boomerang e di sortire addirittura effetti negativi. Probabilmente tempo per tornare indietro adesso non ce n’è, ma non sarebbe male che qualcuno ci ripensasse su.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

36 commenti

  1. S69
    Se non vado allo stadio i motivi sono altri, ho una famiglia dove lavoro solo io purtroppo, non mi posso permettere di togliere soldi e tempo a mia figlia.
    Sono un tifoso comodo per necessità e mi va bene così perché non posso fare altrimenti e perché così ho scelto, ma se potessi venire e mi trovassi davanti gente che mi vuole imporre il silenzio davanti a mia figlia ( o non ti ricordi la finale di coppa Italia ? ) perché hanno preso accordi con Jenny a carogna, beh allora meglio il teatro 10.000 volte.

  2. Povera Fiesole! Ci manca Nazione che fa il corriere per i cinesi e il cerchio si chiude! Bulicci 1926 andate a vedere sui siti romanisti cosa pensano della vostra solidarietà! Di sicuro ci godono come ricci a darvi una ” puntatina”! State a casa che fate più bella figura! Povera Fiesole

  3. Luca e il suo amico cisko non capiscono un ca… Loro vogliono i presidenti pagliacci che ci portano in C2. Eppoi, di cinesi ne avete già troppi lì a Prato….

  4. Palletta.viola

    Solidali con i giallozzozzi .che vergogna ..fate festa le meglio m.

  5. Sì ch'io fui sesto tra cotanto senno

    Per Massimo G.
    Per me andare in curva vuol dire :
    Tamburi , fumogeni , cori ininterrotti e sopratutto sempre in piedi .
    Adesso invece è :
    No tamburi no fumogeni cori quasi zero giusto l’inno e poco più e se provi ad alzarti ci sono quelli di dietro che ti urlano …a sedereeee! !!
    Quindi questo è teatro ( per me ) …ah già dimenticavo ora c’è la musica quando si fa goal …ai miei tempi , sigh, quando segnava la Fiorentina l’urlo dei tifosi si sentiva fino a piazza Alberti

  6. Massimo, tecnicamente sarebbe uno sport, ma se a te va bene il teatro benissimo. Sarai presto accontentato. Il problema è che quelli come te, nn vanno allo stadio nemmeno se telo fanno tipo scala di Milano, con i palchi e i seggiolini imbottiti. Sparito lo “spontaneismo” di chi lo interpreta come una passione, morirà. Amen !
    Valerio, a questi nn andava bene nemmeno il CAV, per loro Fabrizzino era un fesso perché anziché guardare la partita, stava girato verso la curva.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*