Questo sito contribuisce alla audience di

La quiete prima della tempesta

MontellaJuventusQuella che è iniziata domenica al fischio della finale della partita contro l’Empoli sarà una pausa natalizia importante per la Fiorentina: al ritorno della squadra a Firenze, fissato per il 29 dicembre, verranno sciolti alcuni nodi fondamentali per il futuro della squadra. Innanzitutto Norberto Murara Neto comunicherà la sua decisione sul futuro: ancora non è chiaro quale sarà il futuro del portiere viola, che deve decidere se accettare l’offerta della Fiorentina e diventare quindi un pilastro della squadra oppure se tentare fortuna da altre parti (e in tal caso le squadre in pole position sono Roma, Juventus e Liverpool). In seguito verranno affrontati anche altri rinnovi, a cominciare da quelli di Aquilani e Pasqual: se per il primo non sembrano esserci particolari problemi, per il capitano la situazione è più complicata. Infatti non sembra essere visto di buon occhio da Montella, che gli ha preferito fin da inizio stagione Marcos Alonso: sul nazionale italiano sono puntati gli occhi di Milan e Roma, alla ricerca di esterni mancini. Inoltre Pradè e Macia dovranno pensare a sfoltire una rosa che numericamente è troppo ampia e cercare di accontentare Montella andando alla ricerca di quel “ritocchino” che potrebbe finalmente accontentare il tecnico viola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

17 commenti

  1. Appoggio EverViola!!..soprattutto sulla cugina del Tata! 🙂

  2. mi picerebbe che la viola ripartisse il girone di ritorno con questa formazione: Neto. Savic. Rodriguaz,RUGANI, D’AMBROSIO,Pizarro, Borya,INLER,Cuadrado.MARIN.Gomez Allenatore;MANGIA

  3. Serve uno in mezzo tosto.
    Esterni: ma per vafore. Grazie a Pasqual ma oggi Alonso è superiore. Se parte dispiace ma non piango.
    Attacco: aiuto ci vuole qualcuno che giochi, non si può specie in casa giocare ad una punta. I ragazzi vanno bene ma oggi non possono essere il Baba o il Berna a risolvere le partite.
    In definitiva mandare via gli inutili i mollaccioni e gli indolenti e tutto filerà liscio liscio sino al terzo posto.
    Buon anno Fiorentina

  4. Che noia!!!! Solo critiche e malcontento.
    Ricapitoliamo:
    Portiere: Neto non firma, pace non è un fenomeno gioca Tata che tra l’altro ha una cugina dimorto bona. Cambia molto poco.
    Difesa: bene i tre titolari vanno forte se uno esce un altro entra per motivi numerici. Si mouvono solo le seconde linee.
    Centrocampo: quest’anno Aquilani è calato molto, in prospettiva Vecino può sostituirlo. Badelj forse se giocasse 5/6 gare di fila in campionato uno si farebbe un’idea.

  5. Io non sopporto Conte e meno lo sopportavo l’anno scorso ma riconosco che è stato di una coerenza incredibile, per il mondo del calcio : voleva rinforzi di valore per far fare il salto di qualità alla juventus e non glieli hanno dati. E lui si è dimesso. A Montella, nella realtà, hanno dato l’ 80% di giocatori del mercato estivo che sono robetta inadeguata a fare un passo in avanti ma Montella si limita alla frecciatine, alle mezze parole, alle critiche velate, alle ripicche (non fa giocare Marin) e chi ci rimette è la Fiorentina, intesa come tifosi, squadra e società . Una sua presa di posizione chiara prima della fine del mercato estivo, oppure anche dopo, avrebbe risparmiato tutte le polemiche che da agosto in poi si sono susseguite sulla mancanza di risultati della squadra e , sicuramente, avrebbe dato molto valore anche a lui come uomo e come professionista,mentre ora c’è addirittura chi dice che lo faccia a posta per favorire il Napoli, sua prossima squadra

  6. da adesso in poi tutte le componenti, ciascuna nel proprio ambito, non possono più sbagliare!! per puntare al massimo bisogna che tutti facciano il massimo!!

  7. Montella è stato chiaro? Ha fatto il nome del ritocchino? Perché se no siamo daccapo. Gli comprano quello che lui non vuole e gli si mischiano le palline cerebrali e, addio!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*