La rabbia dei giocatori contro l’arbitro. E Sousa è costretto ad intervenire

Sousa dà indicazioni a Babacar. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com
Sousa dà indicazioni a Babacar. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Non è stato un dopopartita tranquillissimo quello tra Inter e Fiorentina. Già in campo, ma anche e soprattutto dopo il triplice fischio del signor Damato di Barletta, i giocatori viola hanno cominciato ad inveire contro di lui per le decisioni prese durante la gara. Particolarmente arrabbiato Borja Valero che, dopo l’espulsione di Gonzalo, è diventato il capitano della squadra, ma non era certamente il solo ad essere infuriato. Alla fine l’allenatore gigliato, Paulo Sousa, è dovuto intervenire per fare da paciere, allontanare i suoi giocatori ed impedire che arrivassero provvedimenti gravi nei loro confronti. Del resto la serata è stata negativa di per sé, aggravare ulteriormente la situazione sarebbe stato beffardo e autolesionistico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

27 commenti

  1. E’ stata una direzione arbitrale vergognosa e assolutamente di parte che ha condizionato pesantemente la partita, e il ruolino di marcia impressionante che ha l’Inter con Damato conferma ogni dubbio, a chi fa presente che anche anno scorso, quando vincemmo, c’era lo stesso arbitro, ricordo che se fosse stato per lui, non avrebbe dato neppure il rigore su Kalinic, ma poi fu richiamato dal collaboratore e allora non potè fare a meno di fischiarlo, ma, ripeto, se era per lui, quel rigore non ce l’avrebbe mai dato…

  2. Solo una cosa: Pablo Daniele Osvaldo entra 17enne con la fiorentina e fa doppietta (è che doppietta) contro il Livorno. Risultato finale 3-1 se non vado errato. Direi che la partita l’ha cambiata. L’ingresso di perez e chiesa secondo me si giustifica col fatto che volesse freschezza sulle fasce.

  3. Parliamo di calcio allora..il primo gol nasce da un errata interpretazione della fase difensiva della catena di destra..Tello si affianca a salcedo e non fa nulla, era lui a dover attaccare il terzino e salcedo coprire l’inserimento di perisic invece il messicano attacca anche il terzino visto che tello guarda e basta..risultato perisic affonda solo soletto e attende il movimento giusto, il resto della difesa rincula disordinatamente (conseguenza ovvia) ed il cross basso deviato mette fuorigioco anche i centrocampisti liberando brozovic..come evitarlo? Tello deve imparare a fare la sua parte ovvero schermare il passaggio al suo diretto avversario..nel calcio si vince solo se ognuno fa il suo! E ci vuole attenzione in tutte le fasi di gioco da parte di tutti. Il gol di icardi è un errore individuale di gonzalo..elementare. va in scivolata quando non deve e libera un autostrada a icardi..gonzalo ieri in pessime condizioni fisiche e psichiche..ma chi ci poteva mettere di meglio? Tomovic? Se gli altri nella prima mezz’ora ti aggrediscono o sei abbastanza in palla per eludere il pressing con il fraseggio veloce e preciso oppure fai i lanci lunghi..altro non esiste.

  4. STEFANO, no, non mi sono spiegato. Nel primo post ho dato una mia versione del perchè si subisce troppo il pressing e, conseguentemente, si prende goal. E questo accade finchè l’altra squadra ha la forza, fisica e psicologica, di fare pressing asfissinate come ha fatto l’Inter nei primi 30 minuti. Cos’è accaduto dopo, i delitti dell’arbitro etc..etc.. non mi interessa in questo post. Mi interessertebbe avere il tuo parere, come quello di altri, per come si fa ad evitare di prendere 3 o 2 o anche 1 solo goal a causa dei nostri difetti sia tecnici che di organizzazione di gioco. Sul dopo ognuno la vede come vuole, arbitro vigliacco e giocatori eroi oppure tutto regolare oppure si poteva anche vincere ( come anch’io speravo accadesse visti il secondo tempo)

  5. BIBI,possiamo anche subire la ferocia del pressing avversario,e posso anche concordare su questo giudizio,però era ovvio quasi scontato che l’Inter non avrebbe tenuto quel ritmo per 94 minuti. Quindi io dico che la nostra reazione a quell’approccio iniziale è stata più che buona,e che non voglio favori arbitrali. Ma posso capire che ci sia un errore a favore di una squadra,mi è capitato anche di vederne due di errori decisivi a favore della stessa squadra,ma caspita ben quattro errori determinanti in meno di un ora,tutti favorevoli all’Inter e contro la Viola,mi son sembrati molto strani. Se l’arbitro era in buona fede,allora significa che non può arbitrare la serie A,forse neppure la serie B. Rigore netto e solare su Kalinic,espulsione affrettata su Gonzalo,e se la consideriamo giusta allora espulsione netta di Miranda per fallo simile(anche più evidente) e fallo su Chiesa al limite dell’area dell’inter(con Ilicic che ogni tanto da quella posizione la mette dentro)e conseguente contropiede interista per il risultato finale. Mettici pure un secondo tempo giocato alla grande,con personalità,pallino del gioco in mano nostra e Inter che con un uomo in più,non ha mai visto palla se non in due sole occasioni. Scusa se è poco e se ho inserito troppi se è troppi ma,ma a me pare ci siano state un po’ troppe sviste a nostro danno per ridurre tutto al fatto che soffriamo il pressing. Te che dici? Io dico che con tre occasioni da rete create dall’Inter in venti minuti,questi hanno segnato tre reti,100% di realizzazione(cosa quasi impossibile da verificarsi nel calcio)e che se D’Amato teneva un giudizio equilibrato,non espelleva Gonzalo oppure buttava fuori anche Miranda. E vedendo il secondo tempo,io penso proprio che un altro gollettino(ma magari anche due)lo avremmo segnato. Dici che sono troppo ottimista? Io non penso proprio.

  6. Albertoviolaclubroma

    X Dario: non c’ è controprova che facendo entrare babà o zarate cambiava il risultato finale però logica vuole che far entrare un debuttante in una partita delicata da recuperare di due reti è quanto meno inusuale,se segui un po il calcio.converrai con me che non è mai successo che un debuttante cambi un risultato da 1/3 a4/3 non è successo neanche.a messi e cr7 .Non posso credere a un Tello che in allenamento fa faville e in partita fa pena.Io rimango della mia opinione a fine anno vedremo chi avrà avuto ragione.un saluto!

  7. Damato ha compiuto la missione conoscendo l’Inter ha preferito non correre rischi e far giocare la viola in dieci (anzi in nove con Tello).
    L’unico contento è lui perchè la sua squadra del cuore ha vinto!! Evviva!
    Da cacciare lui e chi gli fa arbitrare le partite dell’Inter.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*