Questo sito contribuisce alla audience di

La rinascita della passione e la paura del nuovo

Il nuovo stadio pensiamo che sia una boccata d’aria fresca, dopo la polvere cui, oramai, ci siamo talmente abituati da non poterne, per quanto appare, farne a meno. Sì, perché tutte le volte nelle quali arriva il nuovo, non possiamo astenerci dal criticarlo, dal fermarlo con ogni mezzo possibile e immaginabile.

Il passato può essere la peggior malattia, poiché non permette, appena entrati all’interno del suo vortice perpetuo, una facile via d’uscita: come Narciso, col suo riflesso ti annega. È vero, non bisogna dimenticare la storia, ma neanche rimanerne stritolati, quasi non esistesse altro, visto e stravisto che il mondo si figura progresso!

Quindi, purché abbia fondamenta solide, il progetto presentato del nuovo stadio della Fiorentina ci mostra ciò che saremo e qualcosa che rinascerà: la passione.

La passione pensiamo che sia la medicina consona a questo momento storico, perché si è persa e dobbiamo ritrovarla. Purtroppo abbiamo vissuto per così tanto nel calore e nella polvere del deserto che lasciarla sembra una follia. Vi diciamo una sola cosa, in quanto in queste ore è stata utilizzata molte volte la parola ‘Rinascimento’: i folli erano anche Leonardo e Michelangelo e noi ora, a distanza di secoli, ne ammiriamo il ‘genio’.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. S69 non sono questi i tuoi problemi principali, confessalo urlando a squarciagola….. SPECULAZIONE!!!! Vedrai chi cacciera’ il lesso verrà trovato presto, ma sicuramente non sarà Fratini Menarini Cavalli o Ferragamo , se aspettiamo loro … ciao tutti al Ridolfi

  2. Forza Firenze forza Fiorentina

  3. “Quindi purché abbia fondamenta solide …”, nn si sa chi caccia il lesso, nn sappiamo dove sposteranno quello che c’è in quell’area e chi pagherà lo spostamento, come fondamenta nn c’è male.
    Michelangelo e Leonardo venivano retribuiti da mecenati. Esiste qualche incauto che possa affermare che i DV siano mecenati ?

  4. Chi paragona la Firenze odierna alla Firenze Guelfa e Ghibellina non tiene conto dell’incognita Nardella Rossi e di parte dell’ elettorato PD gente che a quei tempi sarebbe stata messa sul patibolo per manifesta incapacitá !

  5. Finalmente un articolo da leggere con piacere equilibrato e scritto veramente bene che spero vivamente faccia riflettere almeno un poco tutti i contro a prescindere.Forza Viola

  6. L’articolo è molto bello ma Firenze come dice la storia è sempre stata divisa e sarà sempre Guelfa e Ghibellina FORZA VIOLA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*