La rivincita di Ciprian

Nella Fiorentina che ha battuto la Roma ci sono sicuramente molte note positive: una di queste, finalmente, porta il nome di Ciprian Tatarusanu. L’estremo difensore viola ha convinto gli addetti ai lavori e i tifosi gigliati durante tutto l’arco della partita e i suoi interventi sono stati fondamentali per portare a casa i tre punti. Basti solo pensare all’intervento su El Shaarawy nei minuti di recupero: una parata non troppo difficile, ma determinante ai fini del risultato finale. Il titolare della Nazionale rumena, inoltre, si è fatto apprezzare per un paio di uscite alte importanti per far rifiatare una Fiorentina che negli ultimi minuti ha sofferto gli assalti della Roma. Ogni volta che Tata tocca il pallone con i piedi qualche brivido scorre sulla schiena del pubblico del ‘Franchi‘, ma il rumeno non fa altro che eseguire gli input di Sousa: ripartire sempre palla a terra, anche a costo di rischiare qualcosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. erossi@gmail.com

    Due mesi da brocco e una serata da eroe per aver fatto tre patatine! !!complimenti per l’equilibrio !!!

  2. Calma, calma … le strac*****e Tatarusanu te le sa fare quando meno te lo aspetti
    Domenica è andata bene, è stato bravo … ma la scorsa domenica. Mercoledì cosa farà, domenica prossima???
    Incrociamo le dita!

  3. Ottima partita di tatarasanu però purtroppo è discontinuo.le doti c’è lì ha.certo che da quando manca frey che non abbiamo un portiere che da sicurezza

  4. Domenico, Roma

    Mi meraviglia che nessuno o quasi abbia notato l’intervento più importante effettuato da Tatarusanu, cioè quello sul tiro di Naingollan finito sul palo. Infatti, su quella bordata da interno area del romanista Tata ci mette di riflesso una mano che devia la palla quel tanto da non farla entrare in porta, ma battere invece contro il palo e poi schizzare verso l’esterno per essere riconquistata dai nostri giocatori. Ed è proprio da quel rovesciamento di fronte, una manciata di secondi dopo, che nasce l’azione del gol di Badelj. Una parata DECISIVA, quindi, che vale da sola i 3 punti.

  5. Ieri mi ha convinto. Speriamo sia la volta buona.

  6. L’intervento su Dzeko è stato altrettanto valido, ma nessuno lo ha sottolineato.
    Parlo del primo tempo.
    Tata gli è andato incontro senza stendersi e allargando braccia e corpo.
    Questo ha disorientato Dzeko che ha sparato alto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*