La rivoluzione di Sousa e la Fiorentina cambia veste. Una soluzione per il futuro

Paulo Sousa 2016 2

Non dobbiamo certo farci trascinare dall’entusiasmo dopo la vittoria in Europa League contro un avversario molto modesto, altrimenti si rischia di fare come dopo la straripante vittoria su Qarabag con la Fiorentina che poi in campionato ha continuato ad avere problemi. Dobbiamo però analizzare con attenzione ciò che è accaduto ieri in Repubblica Ceca, per la prima volta Sousa ha schierato una squadra con il 4-3-1-2, sfatando molti dei suoi tabù come la difesa a quattro o le due punte in attacco. Una nuova Fiorentina che fa capire quanto anche il tecnico portoghese stia lavorando per ritrovare la sua squadra e per raddrizzare una stagione che per ora non convince. Presto per dire se la Fiorentina di ieri avrà continuità ma Sousa ha sperimentato una veste tattica completamente diversa che potrà essere affinata e tornerà utile nell’immediato futuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. Finalmente! Difesa a 4 e centrocampo a 3. Il problema è che questi terzini non giocano alto quando attacchiamo, quindi il nostro gioco non ha ampiezza.poi mettiamoci che alcuni giocatori sono fuori forma. Ancora non ci siamo, bisogna avere il coraggio di metter borja in panca

  2. Badelj dall’inizio del campionato non ne ha azzeccata una a parte il gol con la Roma, eppure il testardo Sousa non lo toglie mai! Mi sembra perseverare nelle nefandezze, così come con Borca. Ma vogliamo una volta giocare senza quei due e magari con Cristoforo e Chiesa?

  3. A me basterebbe provare una volta senza Valero ma pare piu probabile un 6 al superenalotto

  4. La cosa che ho notato è l’eccessiva distanza tra i reparti che ha consentito ai nostri avversari troppo libertà tra le linee. Spesso i loro esterni avanzati erano completamente liberi il che ha consentito loro di effettuare tanti cross pericolosi. Per il resto finalmente il centrocampo a tre con Borja avanzato (e forse in quel ruolo potrebbero giocare sia Ilicic cHe Berna). C’è ancora qualcosa da registrare e qualche giocatore non in grande forma, ma la strada sembra quella giusta.

  5. Concordo pienamente con l’analisi di Bibi.
    Finalmente la difesa a 4 e il centrocampo a 3.
    Perderemo il gioco sulle fasce ( non eccelso…), ma avremo più compattezza a centrocampo. Con un altra seconda punta (X es. zarate) anche il 4-3-2-1
    Rimane il discorso borja, da rifinitore la vedo dura (ma anche X ilicic, Berna o chiesa non sarà semplice), ma è sempre meglio che vedere lui e ilicic dietro a una punta con Tello o Berna a tutta fascia.

    Rimane il posto da seconda punta, per ora Baba, ma poi si potrà provare zarate o Berna.
    E ovviamente se Badelj continuerà a giocare con questa sufficienza, si dovrà dare il posto a Cristoforo.
    Aggiungo che olivera a me non dispiace, confronto a milic non c’è storia.
    Premesso che ieri tomovic ha fatto una buona partita, mi piacerebbe vedere salcedo a destra.
    Poi è ovvio, i moduli fanno poco senza cattiveria, intensità, grinta e spirito di sacrificio.

  6. Borja trequartista é una soluzione che nn mi ha mai entusiasmato però il centrocampo a 3 trovo sja una soluzione ottima anche ped vedere lui nel suo ruolo.
    Come trequartista abbiamo Ilicic e probabilmente Bernardeschi in grado di essere decisivi.
    Badelj temo sia ormai con la testa altrove e quando il zuo procuratore ha iniziato a parlare dovevano ricomporre e blindarlo o cederlo che così serve a pocco purtroppo.

  7. Alberto viola club Roma

    X la redazione:
    Non sono d’ accordo però grazie per la risposta.

  8. Col 4-3-1-2 dovremmo avere una squadra più solida sia in fase difensive che offensiva visto il cemtrocampo a tre, ma, da ieri sera, ci sono delle pecche. 1) Badelj in questo momento è il peggior centrocampista e spesso ieri sera si è trovato a due metri da Cristoforo che dovrebbe ricoprire un ruolo analogo a quello di Badelj. Ergo gioca Cristoforo con Sanchez e Vecino. 2) non si può far impostare la manovra, nemmeno nelle ripartenze a Sanchez che è un interdittore ed ha piedi da interdittore. 3) c’è una buca immensa sulla nostra sinistra difensiva soprattutto se gioca Olivera. Da vedere la difesa a 4 se gioca Milic che, comunque non mi sembra un fenomeno. 4) Borja è adattato come trequartista, non ha la velocità di esecuzione per smarcare le punte a meno che non sia libero da marcature. Quando è marcato rallenta il gioco. Qual’è il suo ruolo vero ? Il todocampista, senza troppi compiti specifici. 5) Kalinic e Babacar possono giocare insieme se capiscono che devono collaborare e non cercare di vincere la partita a livello individuale. L’alternativa a uno dei due non è Zarate che gioca da solo ma potrebbe essere provato almeno una volta Bernardeschi. Comunque, come spesso detto da tutti, le partite si vincono raramente con i moduli e spesso se si hanno ottimi giocatori e la Fiorentina di ottimi giocatori ne ha pochi se non nessuno.

  9. Alberto viola club Roma

    Vorrei fare una domanda alla redazione:
    La Fiorentina gioca giovedì sera in trasferta,poi rigioca domenica alle 15,00 di nuovo in trasferta. La Roma gioca giovedì sera a casa,poi di nuovo in casa alle 20,45. Non era il caso che gli orari fosseroal contrario? C’è un motivo che non conosco o devo pensare male? Gradirei una risposta .
    Considerando che poi c’è il turno infrasettimanale la prossima settimana, con la Fiorentina impegnata in casa contro il Crotone, cambia davvero poco giocare domenica alle 15 o alle 20.45. Comunque monitoreremo la situazione. Un saluto, Redazione

  10. La soluzione per il futuro………………? cambiare a gennaio mezza squadra, per ora io la giocherei cosi Tata, Tomovic , Gonzalo,Astori Salcido ,Vecino, Cristoforo, Sanchez, Ilici ,Kalinic Baba o Zarate.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*