Questo sito contribuisce alla audience di

La Roma rischia di beffarti

NetoPacosTra le società che seguono Neto la Roma è sempre stata considerata la più accreditata a puntare sul brasiliano, nonostante il recente rinnovo di De Sanctis. La società giallorossa è sicuramente tra quelle che hanno preso contatti con l’entourage del portiere viola ma, secondo quanto riporta La Nazione, sarebbe disposta a garantire a Neto le alte cifre di cui si parla soltanto in caso di arrivo a parametro zero. Se viceversa la Fiorentina spingerà per una cessione nel mercato di gennaio, costringendo così la Roma a sborsare qualche milione, la proposta sul contratto di Neto sarà ribassata. E’ vero tuttavia che è nel diritto e nell’interesse del numero uno brasiliano rifiutare qualsiasi destinazione nella prossima finestra di mercato, proprio per potersi liberare a zero euro a giugno.

Foto: LF/Fiorentinanews.com 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

29 commenti

  1. Tatarusanu, consigliato da Ramadani a Gnigni, è da questi sponsorizzato e questo basta a Montella a fargli fare la fine di Marin (stessa storia). Però Gnigni ha fatto in modo che il contratto a Neto non fosse rinnovato quando era a cifre basse pensando di far giocare il suo protetto e risparmiare sul lesso, non aspettandosi la posizione ferma dell’allenatore. Ora vengono a parlare di riconoscenza e fanno gettar fango sul giocatore dai giornalisti amici. Neto vai alla Roma qui non ti meritano

  2. Su Gnigni Caronte ha ragione, sulla proprietà dei DV no. Cognigni ha fatto un bel casino estrapolando dalle sue competenze, invadendo il campo altrui, illudendosi che i suggerimenti (interessati) di un procuratore valessero di più della professionalità di coloro che paga e provocando dei bei problemi. Quousque tandem Gnigni abutere patientia nostra? Sarà anche l’uomo di fiducia di Diego ma si limiti a fare quello che sa fare.

  3. Ha ragione nevio24.Se fossi nei DV avrei già venduto la società e salutato Firenze.Tanto di industriali fiorentini doc sai quanti se ne trovano x l’acquisto VEDI FALLIMENTO.Alla fine un derby con il Prato non sarebbe male x molti rosiconi……..

  4. scusate: volevo dire “se la prenderebbe caronte 88”

  5. Quello che scrive caronte 88 fa capire, se ce ne fosse ancora bisogno,perchè con dei tifosi che fanno simili commenti (e che purtroppo non sono pochi) non riusciremo mai a fare passi avanti. Mettetevi nei panni dei dirigenti e dei proprietari della Fiorentina e ditemi come reagiresti! Questi commenti sono il frutto di tanta ignoranza e presunzione.
    Fossi nei Della Valle manderei tutto al diavolo poi vorrei vedere con quale altro grande proprietario se prenderebbe il sig.caronte 88

  6. il giochino dei calciatori in scadenza di contratto per le società a volte è una sciagura ed altre volte è una manna… il problema è che più una società è potente, più sfrutta gli ingaggi faraonici che può offrire per prelevare a due soldi il giocatore a società meno danarose. Insomma il gioco pare uguale per tutti ma qualcuno è più uguale degli altri. Chi? CHI HA PIU’ SOLDI. Nulla di nuovo sotto al sole.

  7. mi sembra che i giocatori abbiano troppe pretese, se sono in scadenza hanno il coltello dalla parte del manico( vedi neto ), se non lo sono si rifiutano di fare cio’ che la società chiede ( ilicic ),ma allora quando inizieranno a fare quello per cui sono pagati?????
    io farei solo contratti a rendimento, se vali e dai , prendi quello che chiedi altrimenti minimo salariale , poi vedi come corrono!!!!!

  8. L’ultimo commento, seppur reso particolarmente aspro da Caronte contiene parecchie verità.
    L’acquisto di Badelj è incomprensibile, non tanto per la necessità di trovare un surrogato di Pizarro, ma per la cifra spesa (se lo hanno pagato veramente 5 milioni sono dei folli). E comunque a Pizzarro non somiglia per nulla. Su Neto ne abbiamo spese troppe di frasi. Anche se non si voleva tenere lo si poteva far rinnovare e cedere ad una cifra congrua. Semplice no?.
    Ma non per Coglio….GNIGNI

  9. Purtroppo la verità è che comanda Gnignigni… Guardiamo il mercato estivo… Badelj marin e tatarusanu tutti comprati da gnignigni… In tutte le operazioni c’è lo zampino di Ramadani che è un grande amico di Gnignignigni… Neto non rientra nel gruppo delle amicizie di gnignignigni!!! E quindi non ha mai voluto dargli una cifra adeguata se tipo neto chiedeva 2 milioni gnignignigni rispondeva con 800 mila euro all’anno!! Sono esattamente 2 anni che i nostri direttori sportivi non fanno più mercato… Ricordiamoci Rebic anche lui fortemente voluto da gnignigni… Ahhhh che bella societá che abbiamo!!! abbiamo un presidente che prima guarda al suo portafoglio e poi a quello della squadra!!! Sembra un politico!!! Ricordiamoci che il presidente della Fiorentina è Mario Cognigni con la fiducia dei 2 volponi delle ciabatte i fratellini Della Valle!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*