Questo sito contribuisce alla audience di

La sindrome di Sousa colpisce ancora

L'allenatore Paulo Sousa in primo piano. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Altra partita e altre scelte di formazione davvero discutibili da parte dell’allenatore della Fiorentina (ancora per poco), Paulo Sousa. Il tecnico portoghese questa volta ha stupito tutti mandando in panchina Bernardeschi e schierando titolare Cristoforo al suo posto. Il campo non gli ha dato di certo ragione, nel senso che Berna, ‘ripescato’ a partita in corso, è stato il migliore in campo, mentre l’ex Siviglia ha lasciato a desiderare. Continua poi l’equivoco Sanchez: schierarlo come difensore non ha molto senso e le prestazioni del colombiano sono lì a dimostrarlo. La sindrome di Sousa, quella della formazioni che lasciano a desiderare, continua ancora dunque, tanto che molti ormai si chiedono se il portoghese ci è o ci fa…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Non ha importanza se ci è o ci fa, quello che si doveva fare non è stato fatto cioè mandarlo via alla fine dell’anno scorso o almeno a Natale. Chi ha il coltello dalla parte del manico lo deve usare, altrimenti diventa corresponsabile, anzi principale responsabile.

  2. Sousa ci e’ , e poi basta con questi marchigiani se ne vadano subito , in 15 anni di DV non si e’ vinto neanche la miseria di un torneo di viareggio , mai neanche terzi e sicuramente fossero arrivati 10 anni prima sicuramente non saremo falliti ma sicuramente avremmo 3 coppe in meno perche’ con loro Batistuta e Rui Costa sarebbero stati venduti doiopo un anno

  3. La vergogna è che con questo Milan e con questa Inter si DOVEVA arrivra prima di loro.
    L’organico nostro è mediocre, non proponibile contro Roma, Napoli, Lazio, Atalanta (della Juve neanche a parlarne), ma assolutamente in grado di arrivare prima delle milanesi.
    Se non lo si è fatto è perché abbiamo DEGLI SCIAGURATI alla Dirigenza: dai DV al portoghese.
    SCIAGURATI, IMBROGLONI, RACCONTAPALLE, E BASTA !!!

  4. Michele da Milano

    Questo è andato in botta a gennaio dell’anno scorso e non si è più ripreso. E la società ha permesso questo scempio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*