LA STRATEGIA DEL TERRORE

MontellaLazio

MontellaLazioVuoi vedere che la strategia del terrore funziona meglio di qualsiasi civile confronto. Dopo l’inqualificabile prestazione della Fiorentina contro il Napoli, mi è venuto spontaneo rimuginare su un paio di fatti accaduti negli ultimi giorni. Scena prima: il presidente del Napoli De Laurentiis, incavolato nero, che manda tutta la squadra in ritiro punitivo senza neanche consultare l’allenatore. Scena seconda: i giocatori dell’Atalanta allineati e silenti davanti al capo ultras (con daspo e indagine per associazione a delinquere) che li striglia a dovere e li “motiva” facendo capire che non si accetteranno altri passi falsi. Risultato: il Napoli si mangia a merenda la Fiorentina e l’Atalanta strapazza il Sassuolo, fra l’altro con doppietta di Denis che non segnava da un secolo. Se a questo aggiungo la linea “calci nel sedere”, da sempre propugnata da Mihajlovic, che bene o male ha portato la Samp ad un campionato extra large rispetto alle attese, ecco che mi assaltano i dubbi. Ho sempre pensato che un gruppo, perfino se composto da calciatori, lo si può gestire meglio con l’autorevolezza che con l’autoritarismo, privilegiando il dialogo allo scontro, usando la forza degli argomenti più dell’aggressività. Ciò che hanno combinato i giovani (e meno giovani) viola nelle ultime due partite e le dichiarazioni di Montella sul cedimento mentale, danno un brutto colpo a queste mie convinzioni. Bastone e carota dovrebbe essere roba da ciuchi, non da professionisti (seppure del pallone).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

23 commenti

  1. paolo 70 capisco e condivido il tuo ragionamento.Dici bene, perdere ci sta ma entrare in campo come 11 pecore no! Tutte le partite si possono perdere, quello che conta è vendere cara la pelle, ma questi non sanno nemmeno cosa vuol dire lottare nelle partite che contano!Questa squadra soffre troppo le trasmissioni in cui i giornalisti affermano che gli altri sono più forti e la società non sa caricarli!

  2. Ma se per tutto l’anno giornalisti, opinionisti e tifosi ci hanno propinato che Juve, Napoli, Roma e Lazio sono NETTAMENTE più forti della viola, quando perdiamo contro di loro dovrebbe essere normale.

  3. Ma chi è che dice che le coppe non portano niente. LA Coppa Italia, vinta ti permette di disputare la Super coppa Italiana e di intascare i soldi, l’E.L. se la vinci ti permette di andare in C.L. .Oltre ad alzare 2 trofei. Se questo è niente!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*