La strategia della Fiorentina per convincere Salah

Salah Gobbi

L’incontro tra la Fiorentina e l’entourage di Mohamed Salah che doveva andare in scena ieri a Milano, ci sarà oggi, sempre che l’avvocato che rappresenta l’egiziano, riesca finalmente ad arrivare nel capoluogo lombardo. La Fiorentina cercherà di convincere definitivamente il giocatore ad accettare di rimanere anche quest’anno. La strategia del club viola sarà semplice: aumento dell’ingaggio fino ai livelli massimi presenti in squadra ad avvicinare, se non proprio pareggiare la richiesta di tre milioni netti fatta dalla controparte, oltre alla rassicurazione del fatto che Salah sarà centrale nel progetto di squadra di Paulo Sousa. Programma comunque invariato rispetto a ieri, perché è previsto anche un colloquio (telefonico) con lo stesso allenatore prima di parlare con Rogg, Cognigni e Pradè.

Foto: Paolucci/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Curioso, non credevo che i dirigenti della Fiorentina pensassero ancora in termini di strategia. Direi più ad un “fare del nostro meglio vista la situazione”. Quello che i ciabattini stanno facendo alla Viola che conoscevamo mi sembra sempre più una punizione perché non l’hanno ancora avuta vinta sulla cittadella e nuovo stadio.

  2. Continuiamo a subire atti di sciacallaggio dalle strisciate (Montolivo, Neto, Liaic, ora Salah); mi piacerebbe avere dei dirigenti che restituiscano pan per focaccia a questi banditi.

  3. Solito film.
    Visto già con il primo Toni, quando ci fu la promessa di liberarlo l’anno successivo.
    Sono disgustato dai “progetti” dellavalliani.
    D’altra parte è molto semplice: perché buttano i soldi per sistemare il Colosseo?
    Soltanto per aumentare la propria visibilità e quindi il prestigio.
    È tutto un discorso economico che poi si legherà a quello politico.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*