La svolta tattica di Vecino se volete che segni pure lui

Volete che Matias Vecino segni di più? Allora non c’è che da vederlo come mezz’ala (o interno di centrocampo se volete). L’uruguaiano ha nei suoi piedi cinque-sei gol a stagione in Serie A (per stare cauti), solo che non può farlo se chiamato a fare uno dei due davanti alla difesa. Partendo da troppo lontano e trovandosi a rincorrere tutto e tutti, non può anche essere lucido in fase conclusiva. Viceversa, in una linea mediana a tre, sa inserirsi perfettamente da dietro e calciare con maggior forza e precisione. Ad Empoli e Cagliari Vecino lo ha fatto, a Firenze è stato chiamato ad altri compiti per gran parte della stagione…fino a ieri. All’Olimpico c’è stata una sorta di svolta tattica che lo ha portato, e non è un caso, a sbloccarsi anche in zona-gol.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Sì, ma c’è un altro problema, a questo punto, che non avete minimamente considerato. Anzi, due.

    1) Badelj non è adatto a giocare a tre, perché troppo lento e incapace di gestirsi e di gestire il gioco senza qualcuno accanto (il Vecino di quest’anno, giust’appunto) che corra anche per lui.
    2) Sousa non sembra contemplare idea differente dai due centrocampist”oni” schierati davanti alla difesa, con trequartista innanzi.

    Ergo, rinunciamo a Badelj o a Sousa per far segnare cinque o sei gol a stagione a Vecino? Non saprei. A Sousa non ci rinunceremo di sicuro, bisognerà vedere se Sousa rinuncerà al dogma dei due centrocampisti davanti alla difesa (ne dubito fortemente), può invece darsi che si rinunci a Badelj. MA alle condizioni nostre (e non a quelle del… pittoresco procuratore) e trovando qualcuno che sia già altrettanto pronto a prendere in mano la squadra al posto del croato, oltre che a giocare da vertice basso. Quindi un giocatore FATTO E FINITO, non Viviani (peraltro sempre rotto), né Valdifiori (inadatto al gioco di Sousa e comunque sopravvalutato come quattro quinti dei giocatori venuti fuori dall’Empoli) o altre fesserie affini che ho letto qua e là negli ultimi giorni. Viviani (e/o De Roon) mi può andare bene per la panchina, casomai.

    Perché la verità è che l’unico insostituibile là in mezzo è proprio Badelj. Senza di lui, dopo l’infortunio contro la Lazio a metà stagione, sono iniziati i problemi di gioco che, poi, sono proseguiti anche dopo il suo rientro, perché chiaramente a quel punto aveva perso la brillantezza e la lucidità del girone d’andata. In sua assenza è crollato anche il rendimento dello stesso Vecino, che se fosse stato altrettanto insostituibile avrebbe dovuto caricarsi la squadra sulle spalle al suo posto.

  2. 4-3-3 va bene con
    Vecino-Badelj-Valero
    ma contro le squadre forti (Juve, Roma, Napoli, ecc) bisogna fare il 4-5-1 con
    Vecino-Badelj- DUNGA-Valero- Bernardeschi
    Naturalmente, in ogni caso, bisogna avere alternative all’altezza per affrontare infortuni, squalifiche e cali di forma e scegliere giocatori in grado di GIOCARE PER VINCERE OGNI TRE GIORNI.

  3. Alessandro ale…
    Badelj non è adatto a fare il regista basso alla “Pizarro” o “Pirlo”…
    L’anno scorso ha giocato bene soltanto quando era mezz’ala accanto a Pizarro…

    L’ideale Italiano sarebbe VIVIANI o MISSIROLI…
    L’ideale Straniero BANEGA o CLASIE…
    L’ideale Straniero che gioca in Italia DE ROON o PAREDES…

    Insomma i giocatori ci sono…
    Sta a Sousa e società capire che non sono solo i giocatori a doversi adattare ma anche gli allenatori ai giocatori!

    P.S.
    Un tridente TELLO – KALINIC – BERNARDESCHI non è tanto forte se non sono sincronizzati ed abituati a giocare insieme!

  4. Alessandro ale

    Centrocampo borja badelj vecino tridente tello kalinic bernardeschi. Sembra tutto facile ma allora perché non è stato così ?

  5. Ieri sera, come a Verona col Chievo, abbiamo giocato col 4-1-4-1……Vecino si trova sicuramente meglio in questo modulo, che penso sia quello che Sousa abbia in mente di adottare…..

  6. L’anno scorso ad inizio stagione scrissi su questo sito che se Sarri avesse disputato la stagione con una difesa a 4 e un centrocampo a 3 formato da:
    HAMSIK – JORGINHO – ALLAN…
    Sarebbero sicuramente arrivato tra i primi 2 posti!
    Alla fine ho avuto ragione…

    Più o meno dico la stessa cosa di noi…
    Dobbiamo giocare con il 4-3-3…
    Con un centrocampo formato a 3 da B.VALERO – ????? – M.VECINO…
    Possibilmente a centrocampo 2 giocatori tra E.BANEGA, F.VIVIANI, M.DE ROON, J.CLASIE e S.MISSIROLI…

    D.ASTORI, G.RODRIGUEZ, B.VALERO, M.VECINO, F.BERNARDESCHI e N.KALINIC sono perfetti per questo modulo!

  7. Bravissimi!
    Finalmente oserei dire…

    Matías Vecino è una mezz’ala destra (o interno di centrocampo a destra)…

    Come B.Valero non è un regista, trequartista o seconda punta ma mezz’ala sinistra (o interno di centrocampo a sinistra)…

    Continua…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*